Cheesecake

Torta alla yogurt e fragole con bisquit alla melissa

martedì, maggio 23, 2017



Nel weekend abbiamo l’abitudine di dedicare sempre un momento alla famiglia: un pranzo da condividere con i nonni o anche semplicemente un breve incontro per un caffè.
Spesso mi piace preparare un dolce per rendere il momento ancor più conviviale. La scorsa settimana, complici delle fragole meravigliose, ho pensato di preparare una torta a base di frutta, ingrediente che amo utilizzare durante tutto il periodo primaverile-estivo.
Sono partita con l’idea di realizzare qualcosa di fresco, come una delle tante torte alla yogurt senza cottura. E’ un dessert che apprezzo perché delicato e piuttosto rapido da realizzare, ma questa volta la creatività ha preso il sopravvento e così, pur mantenendo fede all’idea iniziale, ho optato per una base diversa dai consueti biscotti.
Ho realizzato un bisquit arricchito con dei pistacchi, aggiunto uno strato di panna, e ho profumato entrambi con della melissa, che con il suo lieve sentore di limone ben si sposa con le fragole e lascia una sensazione di piacevole freschezza al momento dell’assaggio. Ma veniamo alla ricetta :-)



Torta alla yogurt e fragole con bisquit alla melissa
Per uno stampo da 22 cm di diametro

Per il bisquit
4 uova
60 gr di zucchero
i semi di ½ bacca di vaniglia
la buccia di una piccola arancia bio
40 gr di farina
40 gr di frumina
¼ di cucchiaino di lievito
40 gr di pistacchi sgusciati
4 gr di foglie di melissa
30 gr di burro fuso

Per la mousse alla panna profumata alla melissa
220 gr di panna
3 gr di fogli di gelatina
4 gr di foglie di melissa
½ bacca di vaniglia
20 gr di zucchero

Per la mousse allo yogurt
250 gr di panna
200 gr di yogurt
50 gr di zucchero
100 gr di fragole frullate
4 gr di fogli di gelatina 
marmellata di fragole e frutta fresca per decorare

Partiamo dalla realizzazione del bisquit: preriscaldate il forno a 180° (ventilato). Montate i bianchi d’uovo con lo zucchero e un pizzico di sale, quando saranno ben sodi aggiungete delicatamente i tuorli leggermente sbattuti e aggiungete la buccia grattugiata dell’arancio e i semi della bacca di vaniglia. Tritate i pistacchi e la melissa aiutandovi con un minipimer e incorporateli con movimenti lenti, dal basso verso l’alto, al composto d’uovo setacciandoli assieme alla farina, il lievito e la frumina. Per ultimo unite il burro fuso tiepido. 
Ricoprite uno stampo rotondo a cerniera con della carta forno, versate al suo interno il composto e infornate per 15-20 minuti, fino a quando la torta risulterà dorata (fate la prova dello stecchino). Una volta cotta, sfornatela e fatela raffreddare su una grata. 

Preparate la mousse alla panna. 
Mettete i fogli di gelatina in ammollo in acqua fredda. In un pentolino portate ad ebollizione 100 gr di panna con lo zucchero e la melissa e fate cuocere per 3 minuti a fiamma bassa. Spegnete e aggiungete la gelatina ben strizzata. Fate raffreddare. Nel frattempo montate la rimanente panna e tenetela al fresco. 
Quando il composto di panna e melissa sarà ormai freddo, filtratelo con una colino a maglie fini e aggiungetelo alla panna montata con delicatezza. 
Iniziate a montare il dolce: tagliate il bisquit in 3 stati. Ponete il primo strato all’interno dello stampo a cerniera, che avete utilizzato per la cottura. Spalmatelo con alcuni cucchiai di marmellata di fragole, coprite con il secondo strato di bisquit e distribuite la mousse alla panna. Mettete in frigorifero a rassodare. 

Passate ora alla realizzazione della mousse allo yogurt. 
Mettete in ammollo la gelatina in acqua fredda. Scaldate la frutta frullata assieme allo zucchero fino a quando si sarà sciolto, togliete dal fuoco aggiungete la gelatina ammorbidita e ben strizzata. 
Aggiungete lo yogurt poco alla volta, e infine incorporate al composto ottenuto la panna, che avrete montato ben soda. 
Riprendete la torta dal frigorifero coprite la mousse alla panna con l’ultimo strato di bisquit alla melissa e completate con la mousse di yogurt e fragole. Mettete in frigorifero per 6 ore, meglio se per tutta la notte. 
Al momento di servire sformate la torta e decorate con fragole fresche e fiori eduli.



#germoglidiprimavera

Pancake al grano saraceno con salmone e Asparagi Bianchi di Cimadolmo I.G.P. al forno

martedì, maggio 02, 2017


Attendo con ansia la primavera, che riporta sulle nostre tavole gli asparagi: una verdura versatile, ricca di sapore, e di proprietà. Mi piace consumarli in svariati modi, dal risotto, alla pasta, li adoro con le uova, la carne, o anche semplicemente in un panino assieme al prosciutto crudo.
Se anche voi siete amanti di questi freschi #germoglidiprimavera e vi piace trascorrere i weekend fuori porta, alla scoperta di borghi e prodotti del nostro paese non potete perdere i numerosi appuntamenti che per l'undicesimo anno si susseguiranno in questo periodo nelle province di Treviso e Venezia.
La rassegna "Germogli di Primavera" celebrerà l'inizio della bella stagione con diversi incontri e feste tradizionali dedicate agli asparagi ad Indicazione Geografica Protetta.
Infatti, le terre alluvionali del Piave e del Sile fertili e ricchi di minerali, sono da secoli luoghi ideali per la coltivazione degli asparagi.
Negli ultimi anni due varietà sono tutelate a livello europeo dall’Indicazione Geografica Protetta: si tratta dell’Asparago di Badoere, di cui vi avevo parlato lo scorso anno (qui la ricetta) e l’Asparago Bianco di Cimadolmo.
L’Asparago Bianco di Cimadolmo IGP viene coltivato in 11 comuni della provincia di Treviso e si caratterizza per turioni bianchi, teneri e privi di fibrosità.
Se volete organizzare una gita, fino al 7 maggio verrà organizzata la "42a Festa dell´Asparago Bianco di Cimadolmo IGP" , mentre proseguirà fino al 29 maggio la "Rassegna enogastronomica" che coinvolge i ristoranti del territorio.
Il programma completo degli eventi, delle mostre e dei ristoranti, che aderiscono all'iniziativa lo potete trovare a questa pagina.
Ed ora veniamo alla ricetta, che può essere servita come antipasto o anche come piatto unico. Gli asparagi sono cotti al forno, per conservarne al massimo il sapore, vengono abbinati al salmone affumicato e poi serviti con pancakes al grano saraceno e erbe fresche e una crema di panna acida.


Pancake al grano saraceno con salmone e Asparagi Bianchi di Cimadolmo I.G.P. al forno
Ingredienti per 4 persone (8 pancakes)
Per i pancakes
2 uova medie
50 gr di farina 00
50 gr di farina di grano saraceno
25 gr di parmigiano
70 ml di latte
1 cucchiaio tritato di coriandolo
1 cucchiaio tritato di basilico
1 cucchiaio tritato di basilico
1/2 cucchiaino di lievito
sale, pepe

Per l'accompagnamento
10 Asparagi Bianchi di Cimadolmo I.G.P.
200 gr di salmone affumicato
80 gr di panna acida
pepe rosa
olio extravergine d'oliva 

Accendete il forno a 170° ventilato (180° statico). Pulite gli asparagi, tagliateli in diagonale e conditeli con sale, pepe rosa e olio extravergine d'oliva.
Distribuiteli su una teglia ricoperta da carta forno e cuoceteli per circa 12 minuti.
Nel frattempo preparate la crema amalgamando alla panna acida, sale, pepe e un po' d'olio.
In una ciotola setacciate i due tipi di farina con il sale, un pizzico di pepe, il lievito e aggiungete infine le erbe tritate.
In un'altra ciotola sbattete le uova con il latte, aggiungete il parmigiano e incorporate quindi la componente liquida a quella secca. Mescolate con cura fino a quando otterrete un composto morbido e omogeneo. Scaldate in una ampia pentola antiaderente un cucchiaio d'olio, quando sarà caldo versate un paio di cucchiaiate di impasto, facendole colare dall'alto, e formate 4 pancakes, che cuocerete da entrambi i lati fino a quando saranno dorati. Teneteli al caldo e proseguite la cottura dell'impasto rimasto. Gli asparagi ormai saranno cotti.
Servite i pancakes con alcune fette di salmone affumicato, gli asparagi al forno e la panna acida come accompagnamento, completate con una spolverata di pepe rosa e qualche erba aromatica.

Autunno-Inverno

Mini Gugelhupf al caffè con crema al mascarpone

lunedì, gennaio 23, 2017

La settimana scorsa la bora ha soffiato con forza a Trieste, il freddo è stato intenso e pungente.
In giornate così la voglia di uscire scende ai minimi termini, la casa diventa un rifugio tranquillo, dove coccolarsi con un caffè e qualche dolce, magari in compagnia di un buon libro.
In famiglia amiamo molto il caffè e la macchina per il caffè espresso è quotidianamente in funzione, scandendo piccoli momenti di condivisione.
È stato quindi naturale pensare a un dolce che contenesse questa bevanda, imprigionandola in una forma che è tanto cara alla nostra area geografica: il gugelhupf.
In cima ho voluto aggiungere una crema al mascarpone e caffè: un decoro soffice per completare questo piccolo peccato di gola.


Mini Gugelhupf al caffè con crema al mascarpone
Ingredienti per 24 mini Gugelhupf:

180 ml di caffè espresso
1 uovo grande
65 gr di burro ammorbidito
65 gr di zucchero
1 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
85 gr di farina
15 gr di cacao amaro
40 gr di latte 
1 cucchiaino di lievito chimico
un pizzico di sale
40 gr di nocciole tritate
35 gr di cioccolato fondente 50%
20 gr di panna
2 cucchiai di latte
(burro e farina per la teglia)

Per la crema al mascarpone aromatizzata al caffè
150 gr di mascarpone
150 gr di panna
1 uovo piccolo
40 gr di zucchero
60 ml di caffè espresso


Preparate 180 ml di caffè espresso (3 dosi circa) e lasciate raffreddare.
Sbattete con una frusta il burro morbido con 25 gr di zucchero, un pizzico di sale e l’estratto di vaniglia fino a che diventerà bianco e spumoso. Separate la chiara del tuorlo e unite quest’ultimo al composto di burro e zucchero, amalgamandolo per bene.
Aggiungete a questo punto la farina, setacciata con 10 gr di cacao e a seguire le nocciole tritate. Unite ora il latte mescolato con 120 ml di caffè e per ultimo la chiara montata ben soda, cui avrete aggiunto 25 gr di zucchero e un pizzico di sale. Se il composto dovesse risultare ancora troppo sodo aggiungere ancora alcuni cucchiai di latte.
Ungete uno stampo da mini gugelhupf, infarinatelo  e cuocete le tortine per circa 10-12 minuti a 150° in forno ventilato. Prima di sfornare fate la prova dello stecchino. Quando i dolci saranno cotti, sfornateli e fateli raffreddare su una grata.
Preparate la crema. Montate l’uovo con lo zucchero, e quando sarà spumoso aggiungete il 60 ml di caffè. Aggiungete il mascarpone setacciato e amalgamate per bene. Montate la panna ben ferma e unitela al composto di mascarpone. Coprite e riponete in frigorifero.
Preparate anche la copertura: mescolate in un pentolino 2 cucchiai di latte, 5 gr di cacao, 20 gr di panna, 15 gr di zucchero e 35 gr di cioccolato fondente 50% e portate ad ebollizione. Fate addensare brevemente e lasciate che il composto si intiepidisca.
Quando i dolci saranno completamente freddi, decorateli con la copertura al cioccolato, facendo cadere alcune gocce lungo i lati e, aiutandovi con un sac à poche, decorate la cima con la crema al mascarpone.

Moltiplicando la dose per 4 potrete ottenere un gugelhupf grande (stampo da 2,5 litri). In questo caso cuocetelo per 50-60 minuti circa.

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram