Pizza cubana con base di focaccia alle patate

martedì, aprile 14, 2009

Quando si ritorna da un viaggio si portano sempre a casa dei ricordi. C’è sempre un viso, un luogo, un profumo, un sapore che si imprime nella mente e diventa parte di noi, diventa LA COSA che in futuro ci farà ricordare quell’esperienza.
Non potrò mai dimenticare la sensualità della guacamole servita in un piccolo ristorantino di Izamal nello Yucatan, o ancora la sensazione di benessere che riusciva a trasmettere il nettare del frutto della passione che servivano al bar sulla spiaggia dell’Isla Margarita in Venezuela, o la calma di un caffè turco sorseggiato all’ombra di un pergolato sull’altopiano di Creta.
Vi dico questo perché oggi mi è venuta una voglia matta di pizza. Si, avete capito bene, proprio di pizza, ma della pizza cubana,quella che si compra per strada e si paga in “moneda nacional”.


La pizza cubana è un prodotto veramente unico, e chi l’ha provata sa di cosa parlo. Il ricordo è quello di una soffice nuvola, grande poco più del palmo di una mano, condita (mooolto condita) con della salsa di pomodoro e ricoperta di formaggio piccante, servita su un piccolissimo triangolino di carta.
Non nego che il giudizio, deviato dalla fame che ha contraddistinto quella vacanza e che tutti i viaggiatori indipendenti in visita in quella regione hanno provato, sicuramente almeno una volta, possa aver in parte sopravvalutato la preparazione … Una cosa è certa però, a differenza di altri paesi, in cui si cerca d’imitare la pizza italiana, utilizzando formaggi di ogni tipo con risultati discutibili, a Cuba la pizza è proprio un’altra cosa. E’ fatta con ingredienti freschi: pomodoro e formaggio dei contadini e servita dalle finestre di case private; spesso viene cotta in forni improvvisati, ricordo ancora il forno di Pinar del Rio, ricavato da un vecchio fusto di benzina riadattato . Il prezzo bassissimo: con 0,50 euro 4 anni fa se ne compravano 10.
Non so dirvi quale sia il segreto della pizza cubana, ma io me la sono rifatta a modo mio e direi che il risultato è stato soddisfacente.
Ho fatto una base di focaccia con le patate, per ricreare quanto più possibile la sensazione di morbidezza, condito bene la base con olio d’oliva, fatta lievitare ancora un po’. Poi l’ho ricoperta con salsa di pomodoro fresco saltato in padella con olio, sale e un pizzico di peperoncino e poi farcita con caciotta di capra grattugiata.

Focaccia alle patate

Ingredienti


500 gr di farina bianca 00
200 gr di patata lessata e schiacciata
12 gr di lievito di birra
4 cucchiai di olio d’oliva
2 cucchiaini di zucchero
2 cucchiaini di sale
250 gr di acqua


Lavate le patate lessatele con la buccia e poi pelatele. Schiacciatele in una terrina, aggiungete in seguito la farina, il sale lo zucchero, l’olio, e il lievito sciolto in un poco di acqua tiepida. Amalgamate il tutto con cura, aggiungendo via via dell’acqua fino ad ottenere un impasto morbido e liscio. Lasciate riposare coperto al caldo per un paio d’ore. Io, per forzare un po’ la fase di lievitazione, utilizzo il forno leggermente preriscaldato e poi spento. (Se avete la macchina del pane, procedete come di consueto utilizzando il programma impasto).
Alla fine della lievitazione, per la pizza cubana, create otto sfere che stenderete e lascerete lievitare ancora per una ventina di minuti, passando poi alla fase di farcitura e cottura.
Se preferite invece procedere con la focaccia, stendete l’impasto in una teglia unta d’olio, riponete la pasta e create poi degli avvallamenti con le dita. Cospargete con metà di un’emulsione composta da 4 cucchiai d’olio e 4 d’acqua, coprite con della pellicola trasparente e lasciate lievitare ancora per 30 minuti ca.
Cuocete in forno caldo a 200°, per 20 minuti ca. o fino a che la focaccia assume una bella colorazione.
Appena avete tolto la focaccia dal forno, cospargetela con l’emulsione di olio e l’acqua, cercando di inzupparla bene.

STAMPA la ricetta

You Might Also Like

0 colazioni a letto

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram