Cevapcici in variante – Polpettine balcaniche per 3 piatti unici

giovedì, giugno 04, 2009

Qualche tempo fa ho postato la ricetta dei cevapcici, polpettine cilindriche tipiche della cucina balcanica. Personalmente mi piacciono molto e quindi, negli anni, ho pensato a modi diversi di prepararli, anche per variare un po’.
Quelle che vi riporto sono le tre varianti che preferisco e che rappresentano a tutti gli effetti tre idee di piatto unico.


1. Spiedini di cevapcici con riso giallo

Ingredienti per 4 persone
12 bastoncini di legno per spiedini
olio per ungere

Mettete in ammollo nell’acqua 12 bastoncini di legno da spiedino per qualche minuto, poi infilate su ciascun spiedino tre cevapcici e cospargeteli con un po’ d’olio, fate riposare in frigorifero. Preparate il riso. Quando è quasi pronto, cuocete gli spiedini su una griglia bollente o in alternativa potete metterli in forno appoggiati su una teglia (in questo caso a 180° per 10-15 minuti). Servite il piatto composto dal riso cui avrete unito i pinoli tostati e tre spiedini a testa.

2. “Versione classica”: cevapcici con salsa ajvar e cipolle grigliate














3. Pane arabo farcito con cevapici, tzatziki e verdure


Ingredienti per 4 persone

4 pezzi di pane arabo
8 pomodori tagliati a spicchi
½ cipolla tagliata a velo
24 cevapcici
tzatziki


Preparate lo tzatziki e mettetelo a riposare in frigorifero coperto con una pellicola trasparente. Cuocete i cevapcici e quando sono cotti tagliateli a metà per il lungo, nel frattempo preparate le verdure.
Quando tutto è pronto, farcite il pane arabo leggermente scaldato con una cucchiaiata di tzatziki, 12 “mezzi cevapcici”, i pomodori e la cipolla.


You Might Also Like

7 colazioni a letto

  1. Adoro i cevapcici e nelle mie grigliate non mancano mai!!! Li proverò col tzatziki sono curiosa dell'abbinamento. Ciao. Lisa

    RispondiElimina
  2. molto belle queste tre varianti, hai un blog che un invito a scoprire una cucina che non conosciamo bene

    RispondiElimina
  3. @ Lisa: si prova, a me piace molto, rende il tutto un po' più "fresco"
    @ Gunther: strana cucina la nostra, c'è dentro un po' di tutto: veneto, austria, ungheria, cucina ebraica,influenze della vicina Istria e dei Balcani. E' una cucina che rispecchia perfettamente il cocktail di culture e tradizioni diverse della città.

    RispondiElimina
  4. Ciao Sabri, sono passata a trovarti...
    ed ho fatto prorio bene sai?
    Io i cevapcici...non li ho mai assaggiati, ne li conoscevo sai?
    Hai delle ricette bellissime!
    Hai provato a fare il gelato??
    Se ti è piaciuto, fammelo sapere per favore ;-)

    RispondiElimina
  5. Ho provato il tuo gelato ai pistacchi ed è uno spettacolo, ME RA VI GLIO SO. Se tu provi i cevapicici aspetto anch'io tue notizie. ciao

    RispondiElimina
  6. Nooooooo.... Un attimo !!,!,
    I cevapcici sono anche un tipico piatto triestino / istriano !! Ma stimo scherzando!!!
    I ciba con la zivola (cipolla ) cruda in questo caso..... Me ne farei le flebo !!!
    Non sono solo balcanici da noi e' un MUST !!!

    RispondiElimina
  7. Infatti, come dicevo qui http://www.colazionialetto.com/2009/05/cevapcici-polpettine-balcaniche-di.html, da noi a Trieste ogni grigliata che si rispetti contiene i "ciba" :-)

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram