Fogli di pasta brik: come farli in casa

domenica, luglio 12, 2009



Già da un po’ di tempo mi frullava per la mente di preparare i fogli di pasta brik.
Quasi sempre nelle ricette si legge: “acquistate i fogli di pasta brik …”, acquistarli ? Ma perché, mi sono detta?
Se riesco a preparare la pasta sfoglia, se i croissant mi vengono una meraviglia, merito soprattutto delle chiarissime spiegazioni di Paoletta di Anice & Cannella, perché non dovrei fare dei fogli di pasta brik?
E così trovo una ricetta che descrive questa operazione come fosse qualcosa di molto semplice, molto simile alle crepes. E mi dico: bene, si fa.
Risultato: una vera schifezza, delle frittellone massiccie da far paura.
No la ricetta NON va, poi mi sovviene che nella libreria staziona dal lontano settembre ’93 un libro di cucina tunisina acquistato durante un viaggio. Un libro che con rammarico ammetto di aver studiato veramente poco, il libro è in francese, lingua che non conosco.
Cerco il libro e scopro che ai fogli di brik dedica un intero capitolo, chiedo aiuto a mia suocera, insegnante di francese, per la traduzione. E’ un’altra cosa, rispetto alla prima ricetta, altre proporzioni, altro metodo di cottura, ma la spiegazione mi convince.

Io ho usato il semolino, ma ho letto che esiste anche una variante fatta con la farina bianca. E’ possibile congelare i fogli, avendo l’accortezza di ungerli con un po’ d’olio perché non attacchino.
Per il resto, che dire? Alla fine sono riusciti bene e sono quelle cose che mi danno sicurezza: probabilmente continuerò a comprarli, ma mi piace l’idea di poterli fare da me, se ne ho voglia. Mi capite vero?

Con questa riectta partecipo alla raccolta di Eleonora "Come una volta"


Fogli di pasta brik
Ingredienti per 15 pezzi di 18 cm di diametro

110 gr di semolino
1 cucchiaio di olio di semi
1/4 di cucchiaino
di sale
1,5 dl di acqua + 1 ulteriore dl


Impastate in un pentolino il semolino con l’olio, il sale e 1,5 dl di acqua. Lasciate riposare per 1 ora. Passato il periodo indicato, aggiungete lentamente 1 ulteriore decilitro di acqua. A questo punto frullate brevemente il composto ( passaggio che ho aggiunto per ottenere una maggiore omogeneità).


Mettete sul fuoco una pentola con dell’acqua e appoggiateci sopra una padella antiaderente. Aiutandovi con un pennello, trasferite sulla padella piccole quantità di composto, partendo dai lati, con lenti movimenti semicircolari, fino a che avrete riempito tutta la superficie. Non cedete alla tentazione di esagerare con il composto e non ungete la padella. Dopo 1 minuto circa i bordi inizieranno a staccarsi, magari aiutatevi con una pinza o la lama di un coltello, per staccarli con più facilità. Staccate il foglio di brik e trasferitelo su un piatto. Procedete fino all’esaurimento del composto.


I fogli possono essere congelati, dopo essere stati unti con un po’ d’olio. La cottura tradizionale prevede che i fogli vengano fritti nell’olio caldo dopo essere stati farciti. In alternativa possono essere cotti al forno, in questo caso sarà necessario procedere come per la pasta fillo, quindi ungere i fogli con del burro fuso prima di infornarli.



Ho preparato due ripieni: uno con un po’ di rucola sbollentata e della feta, e l’altro con feta e olive nere e ho provato tre chiusure. La chiusura a caramella è carina, ma a mio modo di vedere necessita di fogli più grandi.

You Might Also Like

23 colazioni a letto

  1. Ma sei stata bravissima!
    Non avevo idea che i fogli d brixk ai potessero realizzare in casa.

    RispondiElimina
  2. ma sai che mi chiedevo anch'io come si potessero fare in casa?? grazie per la ricetta, devo provarli, un bacione

    RispondiElimina
  3. Sei stata bravissima complimenti e grazie per questa preziosa ricetta

    RispondiElimina
  4. Bravissima e grazie per averla condivisa con noi, sicuramente la proverò.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  5. ciao sabri, mi fa molto piacere che partecipi alla mia raccolta, le ricette che mi hai inviato sono perfettissime!
    a presto e grazie ancora.
    baciiiii.

    RispondiElimina
  6. @ Grazie a tutte. Sono contenta di aver soddisfatto inconsapevolmente una vostra curiosità. Baci

    RispondiElimina
  7. Idea assolutamente geniale! Ti faccio anch'io i complimenti :)
    Chiara

    RispondiElimina
  8. BRAVISSIMA!!!

    ci provo,
    Antonia

    RispondiElimina
  9. Grazie per la ricetta, non riuscivo a trovarli al supermercato!

    RispondiElimina
  10. @Chiara: grazie
    @Antonia e Manuela: benvenute spero di leggervi presto di nuovo!

    RispondiElimina
  11. Assolutamente perfetta per la mia raccolta!! Sei stata bravissima davvero! La mia pasta phyllo non è venuta per niente, invece...

    RispondiElimina
  12. Ciao ^_^ E' necessario l'impiego di semolino o secondo te potrebbe andar bene farina di semola fine?
    Grazie!

    RispondiElimina
  13. ELEL: non sempre gli esperimenti vanno a buon fine :-)

    Pagnottella: alcuni preferiscono usare metà semola fine e metà farina 00, quindi ti direi che si può provare anche con la farina di semola fine, poi naturalmente mi fai sapere come è andato l'esperimento

    RispondiElimina
  14. Mi fai morire prima col kren e adesso col la pasta brik di cui ho ricordi stupendi ma non sono mai riuscita a trovare la ricetta per farli from scratch . . . non so se il semolino indiano funzionerà ma questa la provo di sicuro. Un bacione.
    Ah ho visto il tuo link del feed e adesso sei nel blogroll. Ciao

    RispondiElimina
  15. Ma si dai Chamki, perchè no, secondo me va bene anche il semolino indiano. Ovviamente voglio sapere se, chiudendo gli occhi e mangiandoli, saranno all'altezza dei ricordi :-) Un bacio

    RispondiElimina
  16. Ciao un informazione ma dopo aver messo il condimento si friggono o si mettono al forno???

    RispondiElimina
  17. Io ci ho dato di frittura :-) ! Si potrebbe provare a ungerli per bene con un pennello e poi infornarli, ma non ci ho mai provato. Ad ogni modo ti direi che, tradizionalmente, vengono fritti. Ciao!

    RispondiElimina
  18. troppo carini!!

    ps. ti ho inserita tra i LINK dei miei blog preferiti ! (http://www.mozzaincarrozza.com/)
    spero farai lo stesso =))) ecco come, se ti va:
    http://www.mozzaincarrozza.com/p/scambio-di-link.html

    a presto e buon 2011 !

    RispondiElimina
  19. Bella ricetta li farò sicuramente per una ricetta che ho visto in un giornale.
    Logicamente quando pubblicherò il link nel mio blog parlerò di te;
    complimenti per tutte le altre ricette, da oggi sarò tra i tuoi già numerosi lettori fissi, ciao Maurizio

    RispondiElimina
  20. Grazie mille Maurizio, mi farebbe davvero piacere vedere quale utilizzo darai ai fogli di brik. Tienimi informata :-). A preto, Sabrina

    RispondiElimina
  21. Ciao Sabri!
    Ho provato la tua pasta brick...favolosa!!!
    Pensavo fosse impossibile da fare..
    Grazie mille...domani posto la ricetta dove l'ho utilizzata.

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come sono contenta Monica, davvero. E' una gran soddisfazione vero? Un abbraccio :-)

      Elimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram