domenica 23 agosto 2009

Dal latte al formaggio - 1a parte: FORMAGGIO DI YOGURT


Alla fine del mese scorso ho ritrovato un vecchio appunto di giornale conservato nella mia cartellina delle ricette "strappate", quelle che prendo e mi dico "prima o poi la faccio"... A occhio e croce, dalla grafica mi sembrerebbe un numero di Creare di qualche anno fa, vabbè , comunque il ritaglio parlava del formaggio fatto con lo yogurt.
Fare i formaggi è faccenda che ha, ovviamente, già interessato altri blogger prima di me, non ultimo Albertone che ha ottenuto dei risultati veramente sorprendenti... guardate un po' il suo stracchino e ditemi se non è una meraviglia.
Ad ogni modo, non avendo a disposizione il caglio ho optato per questo formaggio di yogurt e della ricotta di cui vi parlerò nello prossimo post.
L'occasione di consumo era perfetta: una cena in giardino, con degli amici siciliani, una bella tavolata di 18 persone cui offrire cose fresche e fatte a mano.


Formaggio di yogurt

Ingredienti per 400 gr ca. di formaggio

1 litro di latte fresco intero
60 gr di yogurt bianco intero

oppure 750 gr di yogurt bianco intero



PRIMO GIORNO

Alle 8 della sera del primo giorno, preparate lo yogurt seguendo la ricetta che trovate qui.
Potete ovviamente comprare lo yogurt ed iniziare dal secondo giorno.


SECONDO GIORNO

Alle 9 del mattino seguente togliete il liquido che si forma sulla superficie della pentola e mescolate lo yogurt ottenuto. Avrete circa 750 gr di prodotto.
A questo punto prendete un colino, riponete all'interno un tovagliolo bianco pulito e ponetelo su una pentola che riesca a sostenerlo in modo da lasciare un vuoto tra il fondo della pentola e il colino stesso. Versate lo yogurt all'interno coprite con un coperchio, e riponete in frigorifero fino al giorno successivo.


TERZO GIORNO

Passate circa 24 h , otterrete un formaggio cremoso, perfetto da spalmare sul pane o sui crostini, aromatizzato con erbe (io l'ho condito con l'erba cipollina), sale, pepe e un po' d'olio.


QUARTO GIORNO

Dopo due giorni il formaggio è ancor più compatto e può essere modellato con relativa facilità. Io l'ho preparato con dei pomodorini secchi e salvia, ma si possono anche preparare delle sfere da cospargere di sesamo tostato o un trito di olive verdi, tanto per fare alcuni esempi.



In un'altra occasione l'ho servito con crostini e carpaccio e l'abbinamento è stato molto apprezzato.


ALCUNE NOTE SULL'ESECUZIONE E SULLA RESA:
  • da 1 l di latte si ottengono 750 gr circa di yogurt

  • dopo 24 h, lo yogurt perde circa 400 ml di siero ed è pronto per essere condito e utilizzato come formaggio spalmabile, saranno circa 350-400 gr. di formaggio

  • se intendete ottenere un formaggio più compatto, passate le prime 24 h, condite il formaggio con aromi, pezzetti di peperoncino, sale, pepe e un po' d'olio e lasciate riposare per un'ulteriore giornata, quindi modellate le sfere. Dovreste ottenere circa 12 palline. Ho provato anche a lasciar riposare il formaggio per due giorni e aromatizzarlo alla fine, ma trovo che la scelta di farlo a metà procedimento sia migliore, perchè evita che il formaggio venga lavorato troppo e perda parte della sua compatezza.

13 commenti:

  1. Spettacolare questa ricetta! La proverò sicuramente.
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  2. Ciao, che bello questo formaggio di yogurt! Visto che non serve accendere i fornelli direi che potrei provarci subito... Grazie per l'ideona e a presto

    RispondiElimina
  3. Uuuh che belle queste ricettine tutte homemade dall'inizio alla fine, inizierò anche io!

    RispondiElimina
  4. sarà sicuramente una altra storia,brava!

    RispondiElimina
  5. Da salutista che ci prova..... voglio provare! Grazie

    RispondiElimina
  6. Sono golosa di latticini e formaggi in genere...ci proverò anche io!!! Ciao

    RispondiElimina
  7. io l'ho faccio spesso questo formaggio ma parto dallo yogurt intero già pronto, ne uso 1 kg totale, aggiungo quasi dueccucchiaini e di sale fino, mescolo e metto nel colino col tovagliolo per 24 ore e poi lo condisco o uso come voglio.
    questo è un formaggio originario, se non erro, del medioriente e prende il nome di labna (o leben, ognuno lo chiama come vuole).
    Complimenti per i vari utilizzi e buona settimana.

    RispondiElimina
  8. Mi piace questa idea, appena torno dalle ferie mi cimento nell'impresa formaggiosa, fa veramente gola!!

    RispondiElimina
  9. c'è un premiuccio per te da noi, ora vado di fretta ma poi torno e mi leggo bene bene questa ricettuzza che mi interessa troppo!!!
    baci
    Fiorella

    RispondiElimina
  10. Ma che bella ricetta ci voglio provare!Buona settimana Manu.

    RispondiElimina
  11. @Alessandra, Marsettina: grazie mille

    @Sabrine: si neanch'io in questo periodo sono pervasa dalla voglia di cucinare... Questa sera ho condito delle carote grattugiate con la tua salsina allo yogurt e ci ho aggiunto del sesamo tostato, ne è uscita una vera delizia! Grazie.

    @Elel: si anche a me piace fare le cose "dall'inizio alla fine"

    @Laura,Dolceamara, Milla, Manuela: fatemi sapere se vi è piaciuto

    @Betty: non sapevo si chiamasse così grazie mille della dritta Betty

    @ Fiorella: un'altro premio, grazie broccoline

    RispondiElimina
  12. queste due ricette per fare in casa il formaggio sono strepitose!!!!

    RispondiElimina
  13. piace anche a me fare il formaggio in casa ma è da un pò che non mi ci metto....mi hai fatto venire voglia di riprovarci, il caglio ce l'ho....

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin