Salzstangen Brot - Bastoncini salati ... versione panino

giovedì, settembre 10, 2009



Molti di voi conosceranno i Salzstangen: bastoncini scuri e sottili con il sale in superficie, che solitamente vengono serviti come salatini assieme alla birra in Austria e Germania. Esiste anche un tipo di pane chiamato allo stesso modo; si tratta di un pane solitamente bianco, allungato, attorcigliato su se stesso, cosparso di sale grosso e cumino che personalmente mi piace molto. E' un pane morbido, che apprezzo soprattutto farcito con del formaggio alle erbe, ma trovo ottimo anche al naturale, da sbocconcellare ... con avidità.

Per la realizzazione dell'impasto ho utilizzato la macchina del pane: ovviamente potete realizzare l'impasto a mano e lavorarlo fino a che otterrete una palla morbida e liscia che lascerete lievitare per un paio d'ore o fino a che sarà raddoppiata di volume.
Ancora una cosa, perdonatemi per il titolo, ma la traduzione mi risultava questa volta veramente impossibile.


Salzstangen Brot


Ingredienti per 10 panini circa
500 gr di farina bianca
2 cucchiaini di sale fino
250 ml di acqua minerale tiepida
100 gr di burro
7 gr di lievito secco
1/2 cucchiaio di zucchero
sale grosso
cumino
1 chiara d'uovo



Mescolate la farina, con lo zucchero e il sale fino.
Ponete nel cestello della MDP l'acqua tiepida, il burro morbido, la farina con lo zucchero e il sale e da ultimo il lievito.
Azionate la MDP con il programma impasto, durata 1:30 circa.

Una volta che l'impasto è lievitato, stendetelo su un piano infarinato e create un rettangolo spesso 1 cm circa.

Ricavate dei rettangoli di 10 cm per 3 cm e attorcigliateli prendendo le due estremità e girando contemporaneamente in senso inverso fino ad ottenere un torciglione che dovrà risultare lievemente più sottile alle due estremità. Disponete i torciglioni su una teglia ricoperta da carta forno e lasciate lievitare per ulteriori 20 minuti.
Spennellate quindi con una chiara d'uovo e cospargete con sale grosso e semi di cumino.
Infornate a 200° per 15-20 minuti.





You Might Also Like

17 colazioni a letto

  1. Buongiorno Sabri :)
    Intanto scusami se non ti ho risposto prima al tuo messaggio :(
    Hai fatto le mantovanine???
    sono contentissima che ti siano piaciute, e che io abbia spiegato bene tutti i vari passaggi!!
    Anche io baro...uso l'impastarice...anche perchè i miei "PETTORALI"sono già sviluppati abbondantemente...con tutti gli i vari impasti di questi anni HIHIHIHI!!
    Ma torniamo a noi...
    Salstangen brot!!
    Mai assaggiato, sconosciuto al mio palato, quindi da provare subito!!
    Copio immediatamente
    Un bacio
    Aurelia
    P.S = Scusa il poema :)

    RispondiElimina
  2. ciao Sabri, io non ho mai assaggiato questo tipo di pane, ma mi sono segnata la ricetta perché lo voglio provare, solo una cosa voglio chiederti: l'acqua minerale, deve essere effervescente o naturale?
    baci
    Fiorella

    RispondiElimina
  3. Anch'io sempre con l'impastatrice... e chi ce la farebbe altrimenti! Proverò questo impasto, complimenti per l'idea dei bastoncini, sono deliziosi!

    RispondiElimina
  4. Ciao! bellissimi questi panini! e cadono a pennello perchè sono in fase di panificazione estrema :-D!da provare magari già stasera!!!buona giornata!

    RispondiElimina
  5. ma daiiii... sono meravilgiosi, bravissima!
    copio subito :-P

    RispondiElimina
  6. Io ero rimasta ai cari vecchi salatini di cui ero ghiotta ghiotta da piccola!
    Ma questo pane sembra proprio squisito!!!

    RispondiElimina
  7. Questi faranno impazzire il mio lui!!

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo proprio questa versione del ... salatino ;)
    Da provare con del buon speck.

    Alberto

    RispondiElimina
  9. buoniiiiiiiiiiiiii!!!!!!li faro',io li conosco bene vivendo in germania,ciao.

    RispondiElimina
  10. @ Aurelia: si mantovanine superlative e tu sei stata super chiara.
    @ Fiorella: ho risposto anche da te, comunque si, minerale
    @ Barbara: ci si aiuta come si può, no?
    @Nicole: ciao Nicole, grazie della visita. Fammi sapere cosa te ne pare
    @ Betty: grazie, copia copia
    @ Edi: i salatini sono pazzeschi, una droga, e questi sono altrettanto pericolosi …
    @ Federica: grazie Fede, detto da te è veramente un gran complimento!
    @Solidea: come lo capisco
    @ Albertone: si trovano con facilità sopratutto in Austria e Germania
    @Angy: fortunata, tu puoi comprarli quando vuoi! Ma quanto pane stupendo c’è dalle tue parti…?

    RispondiElimina
  11. Che belli che sono...Verranno bene con l'olio evo a posto del burro?!?

    RispondiElimina
  12. Questi bastoncini salati devono avere un ottimo sapore.

    RispondiElimina
  13. Sabri, ma questa è una ricetta fantastica. Mi piace molto e la proverò senz'altro. Questo tipo di intreccio (che poi è un... avvitamento) mi incuriosisce molto... Bella ricetta, grazie per averla condivisa con noi. A presto

    RispondiElimina
  14. @Spighetta: ma sai che volevo provarci anch'io? Se li fai prima tu, fammi sapere. Il risultato mi interessa molto

    @Sebastiano: ciao grazie della visita. A me perosnalmente piacciono moltissimo

    @Sabrine: grazie. L'intreccio direi che si potrebbe definire decisamente un avvitamento, delle volte in cucina si fa più fatica a spiegarle le cose che a farle...

    RispondiElimina
  15. Ottimi!!!
    Posso solo dire che sono ottimi, e superfacili!
    Sabri grazie, per questa ricetta favolosa...li ho appena sfornati, e a rischio di ustione, me ne sono pappata uno...superbuono!
    Una domanda...dici di stendere la pasta di un cm circa,e di fare dei rettangoli 10x3, così vengono circa 10 panini, giusto?
    seguendo le tue indicazioni, ne son venuti fuori due teglie...circa 24 :))
    ho sbagliato qualcosa???? hahaha
    io son più contenta così!
    Grazie di cuore
    Aurelia

    RispondiElimina
  16. Sabri, sono semplicemente impeccabili!!!

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram