Biscotti morbidi ai cachi con mandorle e cioccolato bianco

lunedì, ottobre 19, 2009



Ogni anno è la stessa storia, arriva l'autunno, e, immancabili, anche le cassettate di cachi dal giardino dei miei.
Non voglio lamentarmi, ma il caco è un frutto che, pur piacendomi, alla lunga mi stufa un po'. So che potrei farne delle marmellate, ma preferisco decisamente quelle di altri frutti.
Il caco poi è infido, se non lo raccogli in tempo ti concia il giardino in condizioni peggiori di quelle che potrebbero risultare dal passaggio di un gruppo di ragazzi impegnati in una partita di "paintball".
In questi giorni per fortuna gli amici blogger hanno proposto alcune ricette, che mi aiuteranno a smaltire questi fruttini di stagione, e anch'io sono partita da una ricetta americana, che prevedeva l'uso di uvetta e noci, per approdare a tutt'altra cosa. La scelta è stata dettata più dalla presenza in casa di alcuni ingredienti piuttosto che altri, ma il risultato è stato particolarmente piacevole: ne sono usciti dei biscotti morbidi e molto buoni, non troppo dolci, che si conservano soffici anche per un paio di giorni.
Partecipo con questa ricetta alla raccolta di Micaela: " Biscottiamo ?"


Biscotti morbidi ai cachi con mandorle e cioccolato bianco



Ingredienti per circa 20 biscotti

2 cachi
1 cucchiaino di bicarbonato
250 gr di farina
½ cucchiaino di cannella
½ cucchiaino di sale
1 uovo
200 gr di zucchero
100 gr di burro
50 gr di uvetta
50 gr di mandorle a lamelle
50 gr di cioccolato bianco a pezzetti





Sciogliete il bicarbonato nella polpa dei cachi. Setacciate la farina le spezie e il sale.
Montate il burro con lo zucchero, aggiungete l'uovo e i cachi. Amalgamate quindi la farina, le spezie e poi le mandorle, l'uvetta e il pezzetti di cioccolato.
Usando un cucchiaino mettete dei mucchietti di composto su una placca ricoperta da carta forno avendo cura di lasciare un po' di spazio tra gli uni e gli altri.
Cuocete a 180° per 15 minuti.

You Might Also Like

18 colazioni a letto

  1. Già il titolo m'ha fatto girare la testa...é tardi ma cinque li mangerei volentieri! Lo sento che sono buoni:)))

    RispondiElimina
  2. Io avrei un'idea!! Se durassero fino al "fatidico" giorno dell'incontro potrei "sacrificarmi" e prenderne io un po'!!! Che ne dici? Comunque, scherzi a parte, geniale quest'idea,ma dove le trovi? No Bill vero?

    RispondiElimina
  3. Buongiorno cara, che bella ricettina, grazie mille per aver partecipato. Questi biscottini devono essere buonissimi, io adoro i caki ma non avevo mai pensato di farci dei biscottini!!!:-) un bacione.

    RispondiElimina
  4. buoni!!! neanche io impazzisco per i cachi nature ma questi boscouuini devono essere fantastici!

    RispondiElimina
  5. Io non amo mangiare il caco, eccezion fatta per quello vaniglia, ma il sapore..mm... squisito!!! I tuoi biscotti sono perfetti per me!!

    RispondiElimina
  6. anch'io non amo questo frutto, se mangiato in purezza, ma nei dolci mi piace tantissimo! devono essere squisiti 'sti biscottini! :)))

    RispondiElimina
  7. MARILUNA. come ti capisco, la stessa sensazione che mi hanno dato i tuoi ravioli di Parmigiano e tartufo! ;-)

    SOLIDEA: mi stupirei durassero fino al nostro incontro, ma posso sempre preparartene degli altri. No, non è Bill, non gli ho mai visto fare nulla con i kaki. La ricetta gira in rete, con varianti diverse su aggregatori americani, in generale c’era sempre molto più zucchero (quasi il doppio) e poi noci, e spezie come noce moscata, chiodi di garofano. Le noci, le avevo finite, i chiodi di garofano li tollero male e lo zucchero mi sembrava troppo, così è diventata un’altra cosa. Con tutta sta frutta devo ingegnarmi!

    MICAELA: neanch'io fino a che la mia mamma non ha iniziato a portarmene delle quintalate ;-)

    FRA: guarda li ho provati a fare anch’io per caso, e sono rimasta piacevolmente sorpresa

    EDI: si anch’io preferisco i vaniglia. Questa è un valido utilizzo per gli altri “flaccidoni”

    SALSADISAPA: vedo che sti poveri kaki non piacciono a nessuno in purezza, per fortuna si prestano alle elaborazioni!

    RispondiElimina
  8. Una ricetta originale visto la particolarità del frutto utilizzato e della sua polpa. Complimenti.
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  9. ALESSANDRA: grazie mille. Ho visto i tuoi lavori di intaglio, sono stupendi!

    RispondiElimina
  10. anche io ho un caco in giardino ma ahimé o per fortuna quest'anno non ha fatto frutti ( so cosa succede quando cadono giù se non li raccogli in tempo :( ). Nemmeno io li adoro ma mi piacerebbe trovare una bella ricetta come la tua per gustarli.
    Ciao

    RispondiElimina
  11. Complimenti per il nuovo look e per questi splendidi biscotti!

    RispondiElimina
  12. complimenti sabri un modo diverso per adoperare i caki, mi piace molto questa ricetta

    RispondiElimina
  13. Aaaah, i cachi! Ne ho una voglia incredibile!!!

    RispondiElimina
  14. ciao ti scopro per caso cercando un'altra ricetta, ma pure questa non è niente male...e poi con i cachi è sempre un problema volerne fare qualcosa, quindi i biscotti sono davvero originali!

    RispondiElimina
  15. LISA: quello di mai mamma invece è super carico! Ciao

    IANA: grazie, sono contenta ti piaccia il nuovo “ look” e pure biscotti !

    GUNTHER: Si è una ricetta un po’ diversa, ma devo assolutamente scovarne anche delle altre per smaltire tutta quella frutta …

    VIRGINIA: se solo abitassimo vicine, esaudirei con piacere il tuo desiderio!

    ASTROFIAMMANTE: sono felice tu sia capitata qui da me e ti sia trovata bene, ora passo a trovarti

    RispondiElimina
  16. Oh mamma! Adesso anche i biscotti con i cachi...geniale!!! Si si ormai sul web trovo torte, biscotti, budini e chissà quante altre leccornie oltre alle tue per gustare questo frutto che mi fa impazzire, troppo buono ;P

    RispondiElimina
  17. Posso omettere l'uvetta? Non mi fà impazzire!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, puoi farli come più ti piacciono :-)

      Elimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram