Krapfen per "pigri" con la macchina del pane

martedì, marzo 02, 2010


La prima volta che ho letto questa ricetta per la realizzazione dei krapfen sono rimasta un po' perplessa: innanzitutto veniva utilizzata la semola di grano duro, cosa per me insolita, nessuna delle ricette conosciute in famiglia la prevedeva, inoltre il fatto di mettere tutto nella macchina del pane mi faceva quasi sentire un po' in colpa per la poca fatica necessaria alla loro realizzazione.

Ammetto che l'imbarazzo è durato poco perchè, visto il risultato, e tenuto conto del fatto che non ci sono troppe uova e grassi, è diventata di diritto la mia nuova ricetta dei krapfen.

Krapfen con la MDP
ricetta tratta dal "365 ricette per la macchina del pane"

Ingredienti per circa 12 krapfen di 10 cm di diametro

latte 280 gr
uova 1
burro morbido 60 gr
zucchero 60 gr
sale 1 cucchiaino
semola di grano duro 570 gr
lievito di birra 12 gr
marmellata, crema o nutella per la farcitura
olio per frittura (arachide o quello che preferite)


Mettere tutti gli ingredienti nel cestello della macchina del pane seguendo l'ordine, quindi prima i liquidi e poi i solidi, e selezionare il programma impasto, durata 1:30 (in alcune macchine può arrivare ad 1:50).

Una volta che il programma è terminato, stendere l'impasto ad un'altezza di 1 cm o poco più e ricavare dei cerchi di 10 cm. A me piacciono piuttosto grandi, ma se preferite potete scegliere un diametro inferiore.


Lasciar lievitare i krapfen su una teglia infarinata, coperti con un panno umido per almeno 30 minuti. Friggerli da entrambi i lati nell'olio ben caldo e profondo, eliminare quindi l'unto in eccesso su una carta assorbente. Una volta che i krapfen si sono intiepiditi farcirli con marmellata, crema o nutella e cospargerli di zucchero a velo.

You Might Also Like

23 colazioni a letto

  1. che belli!! ce l'ho anch'io il libro..lo trovo molto interessante!! complimenti..devono essere buonissimi!! baci!

    RispondiElimina
  2. Io sono pigra!! c'è ne è uno per me?
    Ma come vengono con la semola di grano duro?

    RispondiElimina
  3. sai che non ho mai fatto i krapfen? motivazione: fatica! effettivamente questa ricetta è anche più leggera di altre che ho visto in giro... che sia la volta buona per provarli?

    RispondiElimina
  4. Ottima per me questa ricetta, che devo iniziare ad usar di più la mia semi nuova mdp!:)
    pensa a che colazione super viene! :)
    terry

    RispondiElimina
  5. io sono pigra... mi piace questa ricetta!!! ma sbaglio o hai cambiato look? bellissimo il verde!

    RispondiElimina
  6. Buone e golose...complimenti a te e alla tua fedele collaboratrice!!! baci Luciana

    RispondiElimina
  7. che buoni!!!...peccato che io non ho la macchina del pane.l'unica volta che ho provato a farli è stato un totale fallimento :( ....Riproverò.

    RispondiElimina
  8. FEDERICA: si è un libro ricco di spunti

    MARSETTINA, LUCIANA: grazie anche a nome della collaboratrice

    ELENUCCIA: non saprei dirti, so solo che vengono dei buoni krapfen, non cogli qualcosa di particolarmente diverso

    FURFECCHIA: be' tienila là, non si sa mai, ti venisse la voglia

    TERRY: la mia MDP è stata uno degli acquisti più riusciti, la uso per qualsiasi cosa

    MICAELA: be' almeno non sono l'unica! Si mi piace cambiare il banner spesso, seguo l'umore..

    DOLCEAMARA: in realtà se impasti tutto e lasci lievitare coperto con la pellicola nel forno tiepido dovrebbe essere la stessa cosa, certo viene meno l'aiuto in fase di impasto ... Ciao Lisa

    RispondiElimina
  9. siii che bella ricetta, per le pigre come me poi è il massimo!

    RispondiElimina
  10. ti son riusciti una meraviglia!! nonostante i dubbi iniziali..son perfetti!!
    un bacione

    RispondiElimina
  11. é bellissimo il tuo blog... e buonissimi questi krapfen

    RispondiElimina
  12. Questa proprio me la trascrivo davvero!! Spettacolo!! Ho la mdp, che adoro e uso molto, ma la ricettina per i krapfen non ce l'avevo... Grazie!!!!
    Franci

    RispondiElimina
  13. Ma che bellissima ricetta!!! peccato non avere la macchina del pane, ma il procedimento mi sembra fattibile anche senza. Ci proverò di sicuro, anche perchè io sono davvero un'amante dei krapfen!
    Un bacione e buona giornata
    fra

    RispondiElimina
  14. sono splendidi anche in versione pigra!!!

    RispondiElimina
  15. Bellissimi e senza troppa fatica! Complimenti come sempre Sabri, buona serata.

    Susy

    RispondiElimina
  16. Ciao carissima...c'è un premio per te!! ti aspetto

    RispondiElimina
  17. Con quel libro hai una ricetta al giorno, i miei prossimi krapfen saranno così ;-)Chissà quanto li ha graditi Camilla!!

    RispondiElimina
  18. POLINNIA: vedoc he non sono l'unica pigra!

    MANUELA E SILVIA: si delle volte bisogna proprio provare

    FABIANA: grazie mille della visita che ora ricambierò con piacere

    FRANCESCA: se hai la macchina vale veramente la pena provarla almeno una volta, anche se dubito che poi ne farai a meno ;-)

    FRA: si che riesce, ne sono convinta, in fin dei conti la MDP aiuta nell'impasto e nel tenere costante la temperatura nella fase di lievitazione, ma si può fare sicuramente alla "vecchia" come si dice dalle mie parti

    IANA: grazie mille mamma Iana

    SUSY: in cucina non disdegno i piccoli aiuti :-)

    ELENUCCIA: grazie, passerò da te, ma con i premi sono una cialtrona ... un po' come per i krapfen, poi non riesco mai a fare quello che devo

    ACCANTOALCAMINO: si, se dovessi fare tutte le ricette del libro non so come finirebbe il mio girovita ...Non sono "firmati" come i tuoi, sono buoni sai? Se provi a farli dimmi come ti sembrano. baci

    RispondiElimina
  19. ciao bellissimi questi KRAPFEN....e anche BUONISSIMI. vorrei provarli, ma ho qualche dubbietto:
    - il lievito è quello fresco o quello secco??
    - si devono farcire una volta fritti, non posso farlo prima di friggerli??
    - come faccio a farcirli se non ho una siringa da pasticcere??
    - il programma è solo impasto o anche lievitazione??
    grazie mille ma sono alle prime armi con la MDP

    RispondiElimina
  20. Ho risposto alla tua mail, ma riporto le indicazioni anche qui. Un saluto affettuoso!

    Il lievito è lievito di birra fresco in cubetti, ma spesso uso anche quello secco in granuli e vengono benissimo lo stesso. Le mie bustine di lievito secco sono da 7 gr (che corrisponde a 25 gr di lievito fresco), io ne uso mezza bustina.
    -li farcisco una volta fritti per evitare problemi. Non uso la siringa, ma faccio un piccolo buco a lato (dove c’è la linea bianca per intenderci) con la lama di un coltello e cerco di fare un po’ di spazio all’interno del krapfen. Ci vuole un po’ di pazienza, ma ci si riesce benissimo. Prima di friggerli non puoi farcirli, a meno che tu non decida di stendere la pasta più sottile, e sovrapporre poi due cerchi, dopo che avrai inserito all’interno il ripieno. In questo caso, dovresti poi “rifilarli” un’altra volta per unirli per bene. Ma c’è sempre il rischio che la marmellata fuoriesca e sporchi l’olio, io preferisco il metodo che ti ho indicato in precedenza.
    - il programma è impasto più lievitazione (dough) dura 1:30 circa
    In generale segui l’ordine indicato di inserimento degli ingredienti, ossia prima i liquidi e poi i solidi, il latte deve essere tiepido, di solito io lo metto per 30 secondi a 750W in microonde.

    RispondiElimina
  21. Grazie mille per questa ricetta deliziosa... da quando l'ho scoperta faccio spesso colazione con i krapfen! Sono buonissimi ora sto provando a farli salati, modificando leggermente la ricetta... chissà se verranno buoni come quelli dolci! Ti farò sapere...

    RispondiElimina
  22. Ma grazie Amelia, fa sempre un enorme piacere leggere che la ricetta che si propone è utile anche ad altri. Non appena completi "l'operazione salato" scrivimi e raccontami un po' come sono venuti e come li hai farciti. A presto! :-)

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram