Vai col Thai: Insalata speziata di pollo - Larb Gai

domenica, marzo 07, 2010


Non avrete mica pensato di passare indenni dalla mia vacanza in Thailandia, vero?
Una vacanza improntata al relax che però non ha mancato di farci apprezzare la quiete dei templi, il colore dei mercati, la cura nell'arte del ricevere e la buona cucina.



Ammetto che la mia conoscenza della cucina Thai prima della partenza era praticamente nulla, ho scoperto, invece, una cucina molto curata, sia nella scelta degli ingredienti, sia nella presentazione dei piatti.
Un uso sapiente delle spezie rende i piatti unici, abbondano le verdure in abbinamento alla carne e al pesce, e tutti i piatti sono diversi gli uni dagli altri, dotati di una straordinaria personalità.
Come potete immaginare si tratta di piatti profumati e molto colorati, spesso magistralmente decorati.



Le decorazioni di piatti e tavola attingono a ciò che la natura può offrire, quindi si fa ampio uso di frutta intagliata, ma anche le foglie possono essere utilizzate per la realizzazione di finger food o possono venir modellate fino ad ottenere dei pirottini "naturali" per contenere dei dolcetti.

In definitiva, 9 giorni a Phuket sono bastati per farci innamorare di quei luoghi e ce ne siamo andati sicuri che quello era un arrivederci e non un addio.
Attenderemo che Camilla cresca un po' per poter tornare in quel paese e apprezzare assieme i suoi Templi più belli, visitare la caotica Bankok e non andarcene senza prima aver percorso in barca il mercato galleggiante di Damnoen Saduak.

Adesso veniamo alla nostra ricetta, qualcosa di semplice, anche negli ingredienti, che può essere benissimo servito d'estate. Conservatelo in frigorifero avendo cura di lasciarlo a temperatura ambiente per una trentina di minuti prima del servizio.

Insalata speziata di pollo
- Larb Gai
Ingredienti per 4 persone ( come antipasto)

petto di pollo tritato 200 gr (io ho usato il tacchino)
aglio 2 spicchi (io l'ho omesso)
sale 1/2 cucchiaino
brodo vegetale 6 cucchiai
succo di lime 2 cucchiai (sostituibile con il limone)
peperoncino tritato 2 cucchiaini
salsa di pesce 2 cucchiai
scalogno tritato 2 cucchiai
coriandolo e menta tritati 2 cucchiai (il coriandolo è sostituibile con il prezzemolo)
polvere di riso* 2 cucchiai (vedi ricetta in basso)

Mescolate il pollo tritato con l'aglio (se lo usato) e il sale. In una padella antiaderente scaldate il brodo di pollo, aggiungete lo zucchero e un po' di lime, a questo punto unite il pollo e mescolate per circa 3-4 minuti fino a che il pollo sarà cotto.
Unite il rimanente succo di lime, il peperoncino, la salsa di pesce, a seguire lo scalogno e il prezzemolo e menta tritati.
Mescolate con cura e spegnete il fuoco.
Guarnite con la polvere di riso e ancora un po' di prezzemolo.




NOTE:

  • il peperoncino andrebbe precedentemente saltato in un padellino , giusto il tempo necessario ad esaltarne il sapore

  • le dosi di peperoncino sono quelle "originali", per il mio gusto sono decisamente eccessive, direi che 1/4 della dose prevista sarebbe più adatta al mio palato. Un suggerimento sarebbe quello di partire da mezzo cucchiaino ed eventualmente aumentare via via, fino a raggiungere il sapore che più si adatta a voi
  • questa volta ho utilizzato il tacchino tritato al posto del pollo; dopo aver assaggiato entrambi le versioni, direi che il pollo è decisamente meglio.


POLVERE DI RISO TOSTATO - Khao Krua

Spesso nelle ricette Thai è prevista questa polvere di riso, che viene cosparsa sulle pietanze per conferire una nota di croccantezza. Il riso viene tostato in padella e successivamente tritato. Il sapore è simile a quello delle nocciole tostate.


Per realizzarlo fate così:
in una pentola antiaderente tostate, a fuoco basso, il 1 tazza di riso glutinoso (varietà orientale ricca di amido- nei negozi etnici) con 2 foglie di kaffir (o 2 foglie di limone) e 2 fettine di radice di galangal (sotituibile con dello zenzero). Continuate la cottura fino a quando il riso diventarà di un bel color ambrato.
Fate raffreddare, togliete il galagal e il kaffir e tritate il riso fino ad ottenere una polvere medio-fine.
Si conserva in un contenitore ermetico fino ad un'anno.

NOTE sul riso glutinoso:
  • Il riso glutinoso o khao niao, come viene chiamato in Laos o Thailandia, viene coltivato prevalentemente nel Sudest asiatico. E' un riso profumato, dal chicco lungo e snello, appuntito, dal colore bianco perlato, e, a dispetto del nome, non contiene glutine.
    Viene chiamato riso colloso o glutinoso perché, contenendo molto più amido degli altri tipi di riso, in cottura tende a scuocere molto e ad incollarsi; viene usato sopratutto nella realizzazione dei dolci.
    Nei negozi asiatici quasi tutte le confezioni riportano la traduzione inglese: "sticky rice" , "glutinous rice" o "sweet rice" .
    Generalmente con l'espressione "riso Thai" s'identifica un riso differente, il Jasmine thai, con chicchi aromatici, dal colore e forma simile al Basmati, ma coltivato in Thailandia.
    Detto questo, penso che noi occidentali possiamo assoutamente permetterci, in queso caso, di utilizzare anche il riso thai o basmati, poiché nella preparazione della polvere di riso la caratteristica principale del riso glutinoso non si esprime al massimo.

You Might Also Like

11 colazioni a letto

  1. Davvero gustosa complimenti...le foto sono spettacolari...buona Domenica, baci Luciana

    RispondiElimina
  2. Ho visitato la Thailandia tanti anni fa, ne ricordo lo splendore dei posti, il mare cristallino, i pesci e scenari da favola che restano nel cuore. Ma ne ricordo anche vividamente i mercati, incredibilmente stracolmi di mercanzie a me sconosciute, di colori mai visti, di odori acri e pungenti, di gente sorridente. La cucina era buonissima, diversa da come la immaginavo, speziata ma semplice, ricca di gusto e la scelta degli ingredienti lasciava spazio alla creatività dei cuochi (artisti delle presentazioni). Fantastica. Questa insalata, che mi riporta a quel viaggio, la apprezzo infinitamente. Grazie davvero. A presto. Deborah

    RispondiElimina
  3. Mi sono gustata il tuo racconto "leggendo" tra le righe un po' di nostalgia....Camilla crescerà in fretta!!! Interessante la farina di riso, per riso glutinoso quale intendi? Ciao zia!!

    RispondiElimina
  4. ...ancora io! se ne hai voglia c'è un fiore per te da ritirare sul mio blog... un auspicio di primavera, un pensiero! Puoi prenderlo nella colonna di destra e soltanto se ne hai voglia girarlo a dodici amiche. Un abbraccio. Deborah

    RispondiElimina
  5. Ma dai, interessantissima questa cosa della polvere di riso. Ma come riso glutinoso si può usare il thai o il basmati?

    RispondiElimina
  6. Adoro la cucina Thai!
    Mai visitato la Thailandia purtroppo però!:(
    Ma il loro cibo l'ho gusttao in molti ristoranti in Inghilterra e lo amo!
    st'insalata di pollo dev'essere stupenda!
    bella ricetta!
    terry

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutte. Viste le domande sul riso glutinoso, ho aggiunto una nota sotto la ricetta spero sia esaustiva. Un bacio

    RispondiElimina
  8. Bellissima questa ricetta, brava Sabri!!!

    RispondiElimina
  9. La Thailandia ha rapito il mio cuore! ho passato 3 settimane incantevoli in quel magnifico paese. La sua cucina poi mi ha assolutamente conquistato, una varietà di prodotti incredibili e un'accuratezza nella loro presentazione davvero unica. Questa tua insalata piccante di pollo mi ricorda tutti i sapori di quella vacanza (se ti va puoi leggere il mio resoconto sul mio blog ;) ). Grazie per questi bellissimi ricordi!
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  10. ma questo post è interessantissimo...grazie!!!

    RispondiElimina
  11. Grazie Lisetta

    FRA: vedo che la Thailandia non ha conquistato solo noi. Passerò con piacere a leggere il tuo resoconto di viaggio

    GENNY G: sono veramente lieta tu abbia trovato delle informazioni utili. ciao

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram