Cosce di signora (Kadin Budu Kofte) : ossia polpettine di riso e carne Turkish Style

sabato, agosto 07, 2010



Trovo il nome di questo piatto semplicemente meraviglioso.
Le "Cosce di signora", sono delle polpettine di riso e carne, tenere e croccanti al tempo stesso, di origine turca. Il nome evoca la carne morbida e delicata delle cosce femminili e rientra in un più ampio elenco di piatti che uniscono cucina e eros nel Paese della Mezzaluna.
Il trucco sta nell'unire alla carne cruda una parte di carne cotta. In questo modo, parte dei succhi vengono assorbiti dalla componente asciutta conferendo al piatto una consistenza stupenda.
Il sapore è ottimo, sono un po' diverse dalle solite polpette, e si adattano perfettamente ad un buffet.


Cosce di signora (Kadin Budu Kofte)
Ingredienti per 5 persone

carne macinata di manzo 500 gr
riso parboiled o basmati 150 gr
cipolle 2
burro 30 gr
uova 2
olio extravergine di oliva
sale
pepe
olio per frittura (io preferisco l'arachide)

Fate bollire il riso in acqua salata, scolatelo e tenetelo da parte. Tritate finemente la cipolla e fatela saltare in padella con il burro per qualche minuto, aggiungete quindi metà della carne e cuocete per circa 10 minuti a fuoco medio.
Togliete la pentola dal fuoco, fate intiepidire e aggiungete quindi la carne cruda, il riso e le uova lievemente sbattute. Regolate di sale e pepe.
Con le mani umide create delle piccole polpettine, che passerete nella farina prima di friggerle nell'olio bollente.
Una volta che le polpettine risulteranno dorate, toglietele dall'olio con un mestolo forato e fatele sgocciolare per bene su della carta assorbente.
Poco prima di servirle cospargetele con un po' di sale.

NOTE: le polpette originali vengono preparate generalmente con della carne di agnello e hanno una forma allungata, tipo uovo, risultando quindi sensibilmente più grosse. Prima di essere fritte vengono passate nell'uovo sbattuto e non nella farina. Le varianti di cui vi ho scritto rendono il piatto più in sintonia con il nostro palato e si adattano ad essere servite per un aperitivo in piedi.
Potete tenere le polpettine al caldo fino al momento del servizio, ponendole su una placca in forno tiepido, socchiuso, a 50°-100°. Anche in questo caso, salate all'ultimo.

You Might Also Like

20 colazioni a letto

  1. sono deliziose Sabri!Un nome molto carino per una ricetta da fare, adoro le polpettine! buon fine settimana, un abbraccio

    RispondiElimina
  2. che meraviglia di polpette!!! e che particolarità... le proverò senz'altro..

    :-) se vuoi puoi partecipare anche tu al concorso... anche s ehai già vinsto un premio per la 100ima iscritta puoi comunque concorrere :-)

    RispondiElimina
  3. Il nome è azzeccato anche pensando all'effetto granuloso dato dalla cellulite :-D Scherzi a parte, questa è una ricettina gustosissima e di sicuro farebbe la gioia di mio marito, gran consumatore di riso e carne! Me la segno subito :-)

    RispondiElimina
  4. ma dai che forti queste polpette!!complimenti!!ciao!

    RispondiElimina
  5. buoneee! e che bella presentazione, complimenti e buona domenica ciaoooo

    RispondiElimina
  6. Non le conoscevo, ma sono sicura che le apprezzerò moltissimo, mi hai convinto dalla prima riga!a presto

    RispondiElimina
  7. CHIARA: le poleptte le adoro anch'io fina dall'asilo :-)

    DEBORA: grazie Debora. Per il concorso lascio spazio agli altri, mi sembra il minimo, ma appena posso cerco di fare un po' di pubblicità all'inziativa

    LUCIA: AHAHAH, in effetti il nome potrebbe trarre in inganno. Queste polpettine fan felici tutti, grandi e piccoli. Un bacio

    FEDERICA: grazie Fede

    GABRI: Grazie e buona domenica anche a te

    MILLA: sono contenta, sperimentale e poi fammi sapere! Baci

    RispondiElimina
  8. Che foto!!! Non che la ricetta sia da meno.
    Mi piacciono molto, si prestano ad essere servite in tanti modi e sono originali nella loro semplicità.
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  9. una vera meraviglia!!!Mi piacciono un sacco!E chiamarle cosce di signora mi fa morir dal ridere anche se la ragione del nome mi sembra bellissima e davvero azzeccata! ;P!!!

    RispondiElimina
  10. Una ricetta davvero interessante.
    La provo senz'altro.
    Un saluto
    A presto

    RispondiElimina
  11. Hai ragione il nome e dalla descrizione che ne dai,sembrano davvero buonissime. Da provare...alle polpette non si può resistere :)

    RispondiElimina
  12. Che nome simpatico... gli arabi hanno sempre nomi particolari per i loro piatti!
    ed oltre tutto mi sa che son davvero buone ste polpette!!! han tutti i requisiti per piacermi un sacco!:)))
    bacioni!

    RispondiElimina
  13. Sono d'accordo con te, meraviglioso il nome, io poi mi lascio talmente sedurre dalle parole! Allo stesso modo mi intriga la ricetta, vorrei tanto assaggiarle quelle polpettine e penso che non tarderò a cucinarle!
    Un abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  14. Ciao!! HO sorriso quando ho letto il nome delle polpettine "" Cosce di signora" Belle buone e stuzzicanti , mi sa che se ne mangi una, non smetti più!! Complimenti per il blog!!

    RispondiElimina
  15. ALESSANDRA: qualche volta mi stupisco di come anche delle semplici polpette possano avere così tante varianti! Un bacio

    UNAZEBRAPOIS: è mica buffo come nome? Sono buone,buone, buone

    VIOLA: grazie Viola, ma vogliamo spendere due parole per quella tua delizia alle pesche?

    DOLCEAMARA: no Lisa, come resistere? E poi quando sono così piccole mangiarle è proprio questione di un attimo!

    LUCA E SABRINA: sono sfiziose queste polpette come il nome che portano. Fatemi sapere se vi sono piaciute. Un bacio

    GIUSY: si Giusy sono una tentazione queste polpettine. Grazie della visita , ci vediamo da te!

    RispondiElimina
  16. TERRY: gli arabi in effetti giocano spesso con i nomi in fatto di cibo, hanno una gran fantasia. Ciao Terry

    RispondiElimina
  17. è una ricetta niente male, che mi f avenire in mente la turchia una cucina che andrebbe la pena di scoprire ed apprezzare

    RispondiElimina
  18. Che nome di ricetta però, Sabri!:))) è molto divertente! Sembrano perfetti questi polpette...
    Un bacione
    P.S. Se vuoi io ho il fungo di kefir che mi è staccato ancora uno ma è ancora piccolo e ti posso regalarlo a settembre ( penso che già lo sai che ho datto a Libera due piccoli finghetti e a un'altra signora ). Fammi sapere;))

    RispondiElimina
  19. Ci sono delle parole che fanno sempre un certo effetto, tipo cosce! che di solito si applica al pollo, e io che mi vedo una signora a forma di pollo! le associazioni sono terribili e proprio non mangerei mai una coscia di signora! se fossi un uomo forse, ma allora non preferirei meglio una coscia di signorina? ah ah scusa ho cercato di evitare di dirtelo ma il tuo post continua a poppare nella mia side list [hey poppare viene da "pop up" cioe' apparire] e poi volevo farti ridere . . . un bacione

    RispondiElimina
  20. CARMINE: ci sono a mio modo di vedere alcuni piatti veramente buoni nella cucina turca. Certo l'utilizzo del montone è piuttosto diffuso, ma sostituendolo con del manzo (io preferisco non usare l'agnello) si possono ottenere comunque degli ottimi piatti.

    OXANA: grazie Oxi. Il funghetto di kefir mi piacerebbe molto e settembre è perfetto, perché la bimba mi inizia la materna e ho un po' più di tempo dadedicare alla tua creatura. Ci aggiorniamo, allora, così con l'occasione ci vediamo pure! Buon week-end

    CHAMKI: ma come si permette di poppare nella tua sidelist?!?! Ma va a sapere, forse ai turchi van bene anche quelle di signora, basta che siano cosce ... :-))) Baci

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram