Zuppa cremosa al kren

mercoledì, settembre 29, 2010


Settimana intensa quella appena trascorsa, la Camilla è entrata nella routine della materna: nuovi amici, nuove abitudini per tutta la famiglia. Le giornate sono super intense, la piccina arriva a sera stanca morta e, a dire il vero, anche noi grandi siamo piuttosto provati, sicché sono riuscita a fare poche visite tra gli amici di blog e ho sperimentato poco in cucina.
L'elenco dei piatti da provare si allunga sempre più, ma prima o poi, li faccio tutti !
La zuppetta di oggi è un piatto economico, velocissimo, molto facile e indubbiamente dedicato agli estimatori del rafano. Il sapore pungente della radice si sente nettamente, ma al tempo stesso è una zuppa cremosa, avvolgente e si adatta perfettamente alle umide serate autunnali.

Zuppa cremosa al kren
Ingredienti per 4 tazze

fette di pane senza crosta 4
burro 80 gr
rafano fresco 70 gr + 1 cucchiaio extra per la decorazione
farina 2 cucchiai
brodo vegetale 1/2 litro
panna fresca 1/8
sale
erba cipollina

Tagliate il pane a cubetti e tostatelo in 40 gr di burro.
Lavate la radice di kren (o rafano), pelatelo e grattugiatelo finemente (io utilizzo un tritatutto elettrico).
In una casseruola sciogliete il burro rimasto e soffriggete brevemente la farina, aggiungete il brodo continuando a mescolare. Cuocete la crema per 15 minuti.
Aggiungete a questo punto il rafano, la panna e aggiustate di sale. Proseguite la cottura per alcuni minuti.
Versate la crema ottenuta nelle 4 tazze, decorate con l'erba cipollina, un po'di kren grattugiato e completate con il pane tostato.

NOTE: la porzione è, secondo me, scarsina, ne vien fuori proprio una tazza, forse per 4 persone troverei più azzeccato prepararne una dose e mezza.

You Might Also Like

29 colazioni a letto

  1. Passo per salutarti ed elemosinare un piatto di questa deliziosa zuppa, il kren di solito lo assaporo solo col bollito perciò questa maniera di usarlo mi incuriosisce, magari la provo,chissà...Un bacio Kris

    RispondiElimina
  2. Ciao Sabri! che bella zuppetta calda e coccolosa. Ma viene anche un pò piccantina per l'uso del kren?
    Un abbraccio alla piccola Camilla e alla sua nuova avventura alla materna :-)

    RispondiElimina
  3. Come deve essere carina la tua Camilla al rientro "stanca" bellissima immagine , sai provo questa tua zuppa mi sembra molto particolare , ciao

    RispondiElimina
  4. mi piace un sacco il rafano!!! e io come faccio a farla che non mangio latticini? :( gnè, me tapina...

    RispondiElimina
  5. Siiiiii che bella idea per utilizzare il rafano. Io lo adoro e l'idea di una bella zuppetta calda per la cena mi alletta moltissimo.

    RispondiElimina
  6. Eccola qua la famosa zuppa, che dire...è d provare, appena "intercetto" la radice di cren fresca mi lancio, bacino a Camilla :-)ops, pardon..pelle di fico ;-)

    RispondiElimina
  7. Che bontà!!! Adoro il cren, siamo nel periodo delle zuppe... questa è presa!
    Baci Alessandra

    RispondiElimina
  8. Oh che ricordi del passato che mi hai suscitato con bambini stanchi e mamma stanche e ieri sera mia figlia mi diceva le stesse cose!
    Adoro il rafano ma non l'ho mai fatto cotto, immagino che questa zuppa sia divina, chissa' quando potro' provarla, intanto assaggio di fantasia. Bacioni!

    RispondiElimina
  9. ciao Sabri, adoro il kren lo metto in abbondanza fino a farmi lacrimare, su bolliti e cotto caldo tagliato a mano! Questa zuppa la copio subitissimo, bacetti

    RispondiElimina
  10. KRISTINA: hai visto che ci ho dato anch’io di zuppa? Ci sono molti modi di usare il kren in preparazioni diverse, piano, piano… l’inverno è lungo. Un bacio

    NEPITELLA: si, come dicevo è per gli estimatori della radice. E’ pungente, quindi il kren si sente parecchio, ma vellutata al tempo stesso. Una crema insolita. Ciao :-)

    STEFANIA: sono contenta ti abbia incuriosito e spero ti piaccia, il suo sapore è sicuramente molto particolare

    BLUEBERRY: si potrebbe sostituire con altri prodotti (olio al posto del burro etc), ma temo che il risultato non sarebbe lo stesso. Il rafano l’ho sempre visto associato al burro, potresti provare e poi mi racconti.

    ELENUCCIA: e io che pensavo piacesse a pochissime persone, guarda che bella sorpresa!

    ACCANTOALCAMINO: si una bella radice fresca ci vuole proprio per questa zuppetta. Hai visto? E’ fatta di niente. Quella iena di Camilla oggi non ha voluto mangiare all’asilo, avevano la pizza. Sai cosa è riuscita a dire? A me la pizza non piace! Penso sia l’unica bambina che preferisce, il pesce alla pizza. Devo aver sbagliato qualcosa :-)) !!

    ALESSANDRA: allora devi provarla assolutamente. Un bacio

    CHAMKI: questi bimbi, quando arrivano alla fine della giornata è come se avessero corso la maratona di New York, sono teneri. E in effetti credo che il rafano laggiù non arrivi. E se te ne spedissi una radice sigillata? Lo faccio eh? Baci

    RispondiElimina
  11. GABRI: si anche a me piace molto, mi piace proprio quel suo effetto "devastante". Allora prova la zuppa, perchè ti piacerà! baci, baci

    RispondiElimina
  12. zuppetta appetitosa, mi piacerebbe riprodurla....hai usato il rafano bianco che assomiglia a una grossa carota bianca o quello detto nero con la buccia raggrinzita che credo sia più forte e si usa per la salsa cren dei bolliti ? ciauzzzzzz

    RispondiElimina
  13. questa ricetta veloce fa per me Sabri,il kren è di casa da me....me la faccio uno di questi giorni, adoro le minestre la sera....

    RispondiElimina
  14. Semplice e sicuramente buona questa zuppa, da provare.
    Insomma la Camilla ha cominciato l'asilo :). Spero si trovi bene. La mia collega ha una figlia della stessa età di Camilla, ma i primi giorni di asilo sono stati un po' difficili e con qualche lacrima, ma ora ci va molto volentieri.
    Un bacio a tutte e due.
    Lisa

    RispondiElimina
  15. Ciao sabri, come ti ho già detto da me, ti ho inserita nel blogroll, così non ti perdo più di vista :)
    Zuppe, vellutate & co. sono la mia passione: questa tua al rafano mi incuriosisce parecchio. La metto nella to do list!
    Buona giornata,

    wenny

    RispondiElimina
  16. Astrofiammante: ho usato la radice bianca, in verità quella nera da noi non l'ho mai vista nè assaggiata. Nella mia famiglia si è sempre usato solo quello bianco per qualsiasi preparazione

    CHIARA: hai visto è proprio una ricetta d'altri tempi,molto povera negli ingredienti. Il tocco della panna è l'unica nota di "modernita"

    DOLCEAMARA: ciao Lisa, si la Camilla ha iniziato e ormai conosco ogni curva della strada che passa vicino a casa tua. Va abbastanza bene, qualche lacrima c'è stata i primi giorni, ma adesso ha già le sue amichette con cui chiacchierare e mi sembra serena. Baci, Sabri

    BENEDETTA: grazie !

    WENNY si anch'io l'ho fatto e oggi sono riuscita anche ad aggiungermi ai tuoi sostenitori (ieri sera blogger non ne voleva sapere!) Buona giornata anche a te.

    RispondiElimina
  17. Perdona la mia ignoranza, ma cos'è i lkren? e sopratutto dove si trova? Sai io sono molto più specializzata in dolcetti che in zuppe e ricette salate... se passi da me magari ti offro una bella fetta di torta! Intanto comunque devo farti i complimenti per la zuppetta perchè, anche se no nconosco il kran (e me nevergogno) sembra deliziosa! Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. ma ciao! Quante cose in comune... figli all'asilo, poco tempo, tanto stress e voglia di zuppe: coccole calde! Un saluto e in bocca al lupo per il nuovo anno!

    RispondiElimina
  19. che carina questa cremina al rafano, bianca e avvolgente! Mai fatta, la proverò!
    Sono contenta che la materna sia decollata!!! beati momenti Sabri, credimi! Vi auguro un rilassante we a tutti e tre:)
    pat

    RispondiElimina
  20. Sabri, hai ragione, viva le zuppe, la tua è molto appetitosa e particolare al tempo stesso!!!
    Bravissima.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  21. Non ho mai provato il cren fresco, è una novità per me. La tua zuppa mi invoglia a provarlo!!!
    Un abbraccio e ti auguro un buon fine settimana1!!

    RispondiElimina
  22. Ma sai che dev'essere proprio buona questa minestra?! Grazie per la ricetta ;))

    RispondiElimina
  23. Urka! Questa ricetta la devo assolutamente passare a mia zia: lo zio va pazzo per il kren!!!

    A presto!
    Elisa

    RispondiElimina
  24. MIRTILLA: il kren o rafano è una radice piccante che viene utlizzata generalmente sui bolliti, crudo o cotto sotto forma di salsa. Qui a Trieste si utilizza parecchio ed è un'eredità dell'Impero Austroungarico. I tuoi dolcetti li vengo a vedere con piacere

    IANA: grazie Iana allora condividiamo anche queste nuove"emozioni" scolastiche. In bocca al lupo anche a voi!

    PATRICIA: me lo dicono in molti di godermi il momento, in effetti per i bambini quello della materna è proprio un bel momento. Un bacio

    CINZIA: sono contenta di aver trovato altri estimatori di zuppe, io le adoro!

    SOLEMA: Oh ciao pensionata sempre in vacanza ,bentornata! Se la provi fammi sapere se incontra i tuoi gusti. Un abbraccio

    GIULIA: Prego Giulia :-))

    RispondiElimina
  25. Ciao Sabri,
    finalmente riesco a passare da te;)) Forese ho sentito odorino della questa magica zuppetta?;) Devo provare anch'io, vedo se piacerà al mio sposo:DDD
    Un bacione

    RispondiElimina
  26. Ciao Sabri c'è un post per te da me ;) se ti può consolare sappi che anche Giorgia ha iniziato la materna e sono nella tua stessa situazione! Vi abbraccio entrambe, questa zuppa è perfetta per queste serate uggiose.
    Baci
    SOnia

    RispondiElimina
  27. Ciao,
    siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
    Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
    Se ti va puoi seguirci.
    A presto!
    Trattoria Trinacria
    http://trattoriatrinacria.blogspot.com

    RispondiElimina
  28. OXANA: non so, il sapore è particolare, ma è talmente veloce che val la pena provare!

    SUNFLOWERS8: Ricambiamo l'abbraccio con affetto e visto che qua continua a piovere non mi rimarrà che sperimentare un'altra zuppa !

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram