Padellata di cotechino, carciofi e patate

venerdì, dicembre 10, 2010


Scusate la latitanza, ma c'è chi sotto le feste è una fucina di idee e iniziative e chi si "incarta" come me tra mille lavori e incombenze, sicché in questi giorni il tempo per scrivere e farvi visita manca quasi totalmente.
Il piatto di oggi non è una  mia produzione, ma una ricetta di "Sale&Pepe" di qualche anno fa (le lettrici più affezionate della rivista la ricorderanno).
Provato quasi per caso,complice un cotechino ricevuto con un cesto natalizio, è diventato un piatto da me molto amato. Ho apprezzato la ricetta, intanto perché è un bel piattone unico, e poi perché ha dei bei colori, un buon connubio di sapori ed è un modo carino per presentare il solito cotechino senza appesantirlo ulteriormente con intingoli o coperture di sfoglia.
A me in generale il cotechino piace fresco. Lo so, la cottura è una barba, ma con la pentola a pressione i tempi si riducono sensibilmente e il sapore ne guadagna. Ovviamente nulla vieta di usare quelli precotti, sono sicuramente una possibile alternativa, decisamente più in linea con i tempi di una famiglia "moderna".

Padellata di cotechino, carciofi e patate
Ingredienti per 4 persone
tratto da Sale&Pepe - gennaio 2009

cotechino 600 gr
carciofi 4
cipolle di Tropea 2
patate 500 gr
limone 1
sale
pepe
erba cipollina
olio extra vergine di oliva 4 cucchiai

Lessate il cotechino in acqua per 3 ore, se utilizzate la pentola a pressione calcolate 1h e 1/2 dal sibilo (ricordate di bucare con una forchetta il cotechino per evitare antipatiche esplosioni).
Nel frattempo lessate le patate per una mezz'ora circa, e una volta cotte, lasciatele intiepidire, sbucciatele e tagliatele poi a pezzetti.
Puite i carciofi, togliete le foglie esterne più dure, le barbe, affettateli e immergeteli in acqua acidulata con il succo del limone.
Scolate il cotechino, lasciatelo raffreddare quasi completamente, eliminate la pelle e tagliatelo a pezzetti.
In un tegame scaldate qualche cucchiaio d'olio, e fate rosolare le cipolle sbucciate e tagliate a spicchi, aggiungete i carciofi, unite un mestolo d'acqua calda e proseguite la cottura per 10 minuti circa. Aggiungete le patate e proseguite la cottura a fuoco vivace per altri 10 minuti, salate e pepate. Alla fine completate con il cotechino a pezzetti, fate scaldare per bene, unite l'erba cipollina e servite.

You Might Also Like

13 colazioni a letto

  1. Con qualche ora di ritardo,dopo aver già goduto della vista di questa "padellata" è arrivata la News letter ed allora ufficialmente ti dico che: questa padellata s'ha da fare.
    Ello mi ha portato un cotechino testè....
    Mail arrivata, stampata, la mia mdp è già in fibrillazione ;-)

    RispondiElimina
  2. che bella presentazione Sabri, finalmente il cotechino vestito di nuovo, mi piace molto!Un bacione...

    RispondiElimina
  3. Grazie per l'idea per natale! Bravissima, colori vivaci ed invitanti!

    Laura


    cucinare hip!
    cucinare veloce, facile e moderno con la pentola a pressione

    RispondiElimina
  4. Ciao bella!
    Io non ho cucinato mai il cotechino ( non piace al mio marito e da sola non la mangerò mai! ) ma la mia suocera lo fa per il Natale ( o il pranzo di 1 gennaio? ). La tua ricetta e molto bella e semplice;))
    Bacione

    RispondiElimina
  5. finalmente quest'anno mangerò il cotechino!bella ricetta.grazie per averla pubblicata.

    RispondiElimina
  6. ACCANTOALCAMINO: mi pare che la ricetta funzioni. Infilzato, staziona a testa in giù . Domani il verdetto ;-)

    CHIARA: lo trovi anche tu in genere un po’ “noioso”?Poi è un peccato perché trovo abbia un buon sapore.

    ELLE PEE: grazie Laura, si potrebbe anche sistemare in dei bicchieri per un buffet…

    OXANA: a casa mia è una preparazione da anno nuovo, la mamma me lo preparava sempre a Capodanno con le lenticchie, un classico

    MYRIAM69: sono contenta di averti dato uno spunto, vedrai che sarà una ricetta che ti piacerà!

    RispondiElimina
  7. Me lo ricordo eccome! Riguardando la tua foto, bellissima tra l'altro, mi è venuta voglia di mangiare così il cotechino. Sono andata a riprendere il numero di S&P in questione e ho trovato subito la pagina. Avevo fatto un'orecchia grossa così più il post-it! Direi che è arrivato il momento di provarlo ^_*
    Un grande abbraccio
    Sonia

    RispondiElimina
  8. Il cotechino è una di quelle cose che mangio fuori e non ho mai fatto o preso! ...questa tua padellata mi invoglia a prenderlo, maniera diversa e ottima per gustarlo! brava!

    RispondiElimina
  9. Io non amo il cotechino ma se lo sostituisco con la salsiccia non è la stessa cosa?:)

    RispondiElimina
  10. SUNFLOWERS8: ti ho detto che c'è sintonia :-)!

    TERRY: anch'io lo compro di rado, ma come dicevo, a Natale almeno uno in regalo lo ricevo sempre. Questo mi pare un bel modo di utlizzarlo.

    VERU: puoi benissimo sostituirlo con la salsiccia, ne verrà sicuramente fuori un piatto altrettanto gustoso :-) Ciao!

    RispondiElimina
  11. Mi sembra una ricetta assolutamente da provare: le verdure spezzano un po' il sapore grasso del maiale!! Deliziero' i miei ospiti del 31 sera!! Grazie per averla pubblicata.

    RispondiElimina
  12. Barbara Grazie. Carlotta, hai assolutamente ragione, le verdure ottengono proprio quell'effetto, sono contenta di esserti stata "d'aiuto" per il cenone. Buon divertimento!

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram