Sashimi, maki, uramaki: racconto di una giornata in un ristorante stellato

venerdì, marzo 30, 2012


Quasi per caso, qualche tempo fa, navigando in internet mi sono ritrovata sul sito del ristorante stellato “AgliAmici” di Godia di Udine. La passione per la cucina mi porta spesso a percorrere strane strade: sbirciare qua e la, anche su siti che già conosco, come in questo caso, in cerca di qualche notizia, ricetta o stimolo di diversa natura.
Per farvela breve, comunque, ho appreso così che il ristorante organizzava dei corsi di cucina, quasi tutti con due scelte: una lezione al mattino oppure nel tardo pomeriggio. Dopo essermi mangiata le dita di una mano, e pure quelle dell’altra, perché mi ero persa alcuni appuntamenti veramente notevoli, ho visto che c’era ancora in programma una lezione di cucina giapponese e così ho colto la palla al balzo, e ho prenotato.
La fortuna è stata dalla mia, e ho trovato un posto per mercoledì 21 marzo.

Così mercoledì mattina parto da Trieste alla volta di Udine, un’oretta di viaggio e sono a destinazione. L’accoglienza è calorosa, sembra proprio di arrivare a casa di amici: lo chef Emanuele Scarello ci accoglie, e prepara personalmente un caffè con fare affabile e cordiale. Si fanno due chiacchiere e si rompe il ghiaccio. Il gruppo è carino e disomogeneo: una coppia, una giovane ragazza che ha appena finito l’alberghiero, un architetto, un signore maturo con la passione per i fornelli, due appassionate di cucina che hanno preso un permesso dal lavoro per poter assistere alla lezione. 


La cucina è uno spazio raccolto, che permette di stare seduti proprio a ridosso del banco di lavoro, e perfetto per il numero di partecipanti.
La lezione è tenuta da Jumpei Kuroda, giovane cuoco del nord del Giappone che vive in Italia da appena 5 anni, parla già un ottimo italiano, e “Agli Amici” si occupa di primi piatti. Ragazzo preparato ed estremamente gentile con tutti, si assicura più volte che i passaggi siano compresi e tutto risulti chiaro.


L’intervento è interessante da tutti i punti di vista: da un lato per i piccoli trucchi che vengono insegnati nella preparazione dei piatti, dall’altro per il fascino che riesce sempre a trasmettere la cucina asiatica. La preparazione degli ingredienti, e degli strumenti, le attese, i gesti antichi, come quello sventagliare il riso per raffreddarlo. 



La mattinata passa veloce, e presto si trasforma, grazie anche alla presenza di Emanuele Scarello e la sorella Michela in un momento di vero relax. La conversazione è fluida, coinvolgente, si parla di moltissime cose: cucina, viaggi, strumenti del mestiere, come quei magnifici coltelli giapponesi, che Jumpei è costretto ad acquistare per tutti i colleghi a ogni ritorno di viaggio a casa.


La lezione si conclude con una scorpacciata di ottimo sashimi, sfilettato e tagliato magistralmente da Jumpei, un brodo di pesce profumato al limone, che è come una carezza calda, e poi maki, uramaki, di tonno, spigola, gamberi, dentice, fino a scoppiare, il tutto innaffiato da una magnum di sakè ghiacciato.





Saluto, un po’ a malincuore, ma felice di aver appreso qualcosa di nuovo nel mondo fantastico della cucina, aver conosciuto un architetto simpatica, e con la convinzione di aver trovato in qualche modo un punto di riferimento, un luogo in cui mi auguro ci sia l’occasione di poter tornare, per vivere di nuovo un’altra giornata così appagante.

Ancora qualche foto?



You Might Also Like

9 colazioni a letto

  1. Che bello, a me piace molto il sushi e mi piacerebbe scoprire i segreti per prepararlo in maniera almeno "decente". Jumpei sembra proprio simpatico, troppo divertente a sventagliare il riso...mica lo sapevo che andava sventagliato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche indicazione di base sul riso
      tipo di riso: specifico per sushi,
      cottura: a pentola coperta, senza rimestare, e
      trattamento del prodotto: una volta cotto va bagnato 4-5 volte con un mix di aceto di riso 220 gr, zucchero 150 gr e sale 50 gr. Sappi che è tanto te ne avanzerà, quindi potrestia nche dimezzare la dose. Si usa anche per bagnare la lama del coltello quando lavori.
      Un abcio e Buona Pasqua

      Elimina
  2. ecco, sto rosicando! quanto mi piacerebbe entrare in una cucina giappo professionale! complimenti per il reportage! baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no dai Claudia, non rosicare,le occasioni capitano :-)

      Elimina
  3. deve essere stata un'esperienza veramente interessante!buon we Sabri, un bacione...

    RispondiElimina
  4. PER CLAUDIA, CHIARA, LUCIA, ciao ragazze un grosso abbraccio e tanti auguri :-)

    RispondiElimina
  5. Devo passarci di là (e dire che abito a 5 minuti :-( )a vedere se fanno qualcosa. Baseto.
    Dimenticavo: passa da me se ti va :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei così vicina, non l'avevo capito! Passo da te sicuramente ;-)

      Elimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram