Cucina leggera

"Sacchetto" di polpettine con salsa all'aglio e patate all'erba cipollina

mercoledì, giugno 27, 2012



Alla fine di maggio sono stata contattata dall'ufficio comunicazione di Cuki, e mi è stato chiesto di pensare a una ricetta che prevedesse l'utilizzo del loro sacchetto forno abbinato a una spezia Cannamela.
Ho aderito con piacere, fondamentalmente perché la cottura in sacchetto mi piace molto.
Generalmente utilizzo questa tecnica di cottura per la preparazione del pollo. Si ottiene una carne morbida, molto saporita, e l'impiego di grassi in cottura è veramente minimo.
Il risultato è molto simile a quello che offre la cottura in terracotta. Il sacchetto, una volta utilizzato, viene eliminato, e anche lo sporco si riduce al minimo.
Ho scelto di realizzare un piatto di carne accompagnato da una salsa all'aglio, che ho abbinato a delle patate aromatizzate con l'erba cipollina.
Ancora una volta questo tipo di cottura mi ha lasciato soddisfatta, perché permette di avere un ottimo piatto con pochissimo impegno. In più è un prodotto versatile, utilizzabile per la cottura al forno, ma anche quella al microonde o a bagnomaria. 
Vi saluto, ma non prima di aver passato il testimone alla cara Oxana di Pane&Miele, che domani vi delizierà con una sua preparazione, e se siete curiose di leggere tutte le ricette realizzate da molte altre blogger prima di me, collegatevi con la pagina facebook di Cuki, dove potrete trovare tutto il pregresso.


Sacchetto di polpettine con salsa all'aglio e patate all'erba cipollina
Ingredienti per 2 persone
carne macinata di manzo 250 gr
salsiccia 100 gr
uovo 1
pane 40 gr
latte mezzo bicchiere
grana padano grattugiato 1 cucchiaio
prezzemolo tritato 1 cucchiaio
finocchietto 2 cucchiaini
patatine 400 gr
erba cipollina essiccata Cannamela 2 cucchiaini
aglio fresco 2 teste
yogurt bianco intero 3 cucchiai
sale
pepe
erbe miste tritate (rosmarino, salvia, timo) 1 cucchiaino
olio extravergine d'oliva
bastoncini di legno da spiedino 6 pezzi


Mettete il pane in ammollo nel latte e i bastoncini di bambù nell'acqua. Nel frattempo, mentre il pane si ammorbidisce, pelate la salsiccia, e mescolatela in una ciotola con il macinato di manzo. Aggiungete l'uovo, il grana, sale, pepe, il finocchietto (precedentemente pestato in un mortaio o passato al macinino), e il pane ammorbidito nel latte e strizzato.
Mescolate con cura, fino a quando l'impasto risulterà omogeneo. Create delle polpettine delle dimensioni di una grossa noce e infilatele negli stecchini. Dovreste ottenerne circa 5 per ciascuno stecco.
Cospargete le polpettine con un paio di cucchiai di olio e riponete gli spiedini in frigorifero.
Accendete il forno a 180°.
Tagliate la cupola dell'aglio, condite con un giro d'olio, sale pepe e le erbe miste.
Pelate le patate, cospargetele con un po' d'olio, il sale e l'erba cipollina.
Prendete due sacchetti forno Cuki, in uno sistemate gli spiedini e le due teste d'aglio, nell'altro sistemate le patate. Chiudete entrambi i sacchetti con i laccetti, poneteli su una teglia e infornate per 45 minuti circa.

Trascorso il tempo di cottura, sfornate le polpettine, aprite il sacchetto con cautela togliete l'aglio e tenete al caldo le polpettine.
Tagliate il sacchetto delle patate, e mentre preparate la salsa all'aglio, date un colpo di grill alle patatine.
Per la salsa all'aglio, eliminate la buccia alle due teste d'aglio, frullate gli spicchi e stemperate la crema con lo yogurt, salate e pepate.
Servite 3 spiedini in ciascun piatto, con le patate e la crema a parte.

Antipasti

Clafoutis salata con feta, pomodorini e olive

venerdì, giugno 22, 2012

 

L'estate è finalmente arrivata. E se fino a pochi giorni fa ci si lamentava di quanto il tempo fosse brutto, e si aspettava con ansia la bella stagione, ora è un gran discutere del caldo impossibile da sopportare. Siamo fatti così: l'italiano passa da un'emergenza all'altra, da un disagio a un malessere, con assoluta nonchalance. 
Non rimane che cogliere i lati positivi della bella stagione, verdure, colori e sapori che rimandano all'estate, e alle vacanze. 
Nasce così questa clafoutis salata, che ho immaginato pensando alla Grecia, e ho pensato di arricchire con feta, olive nere e pomodori secchi.
Il piatto è ottimo sia tiepido sia freddo, si adatta alle giornate calde, e si può preparare ad esempio al mattino, e conservare poi a temperatura ambiente. E' morbido, saporito, profumato e può essere anche trasportato per un picnic.

Clafoutis con feta, pomodorini e olive
Ingredienti per 2 persone come piatto unico o 4 come antipasto
latte 40 cl
farina 120 gr
lievito chimico 1/2 bustina
uova 3
sale
pepe
feta 100 gr
olive nere greche 50 gr
basilico 5/6 foglioline
pomodorini secchi 50 gr
grana padano grattugiato 2 cucchiai
olio extravergine d'oliva

Preriscaldate il forno a 160-180°. In una ciotola mescolate la farina, il lievito, le uova e il latte fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Salate, pepate e aggiungete i pomodori tagliati a pezzettini, le olive snocciolate a tagliate in 4 parti, il grana, la feta tagliata a cubetti, e il basilico spezzettato grossolanamente.
Mescolate e distribuite il composto in una teglia rettangolare o in due piccole (le mie erano di 12 cm x 12 cm).
Cuocete per circa 25 minuti. Se dovesse colorire troppo, coprite con dell'alluminio.
Servite tiepida o fredda accompagnando la clafoutis con una insalata di pomodori misti (cilegia, datterino, insalataro, cuore di bue) profumati al basilico, o in alternativa, con una salsa di pomodoro fresco in cui poter intingere i bocconcini.


Cioccolato

Gelato all'olio d'oliva e cioccolato bianco

venerdì, giugno 15, 2012


Lo scorso anno, partecipando a "Olio Capitale" mi è capitato di assaggiare per la prima volta del cioccolato bianco all'olio d'oliva. Devo dire che quel sapore mi ha incantato: la cremosità e la dolcezza del cioccolato bianco si fondevano a meraviglia con il sapore dell'olio. Un componenete esaltava l'altro, tant'è che di quella cioccolata, a fine giornata, ne arrivò a casa un pezzetto infinitesimale.
Un bel po' di tempo dopo, casualmente, mi sono imbattuta in questa ricetta e come potete capire non mi sono potuta trattenere dal provarla.
Il risultato è decisamente notevole: nel gelato non c'è la panna, perchè il cioccolato basta da sè a donare una cremosità unica. Il gusto è ricco, intenso, a mio parere molto elegante, ma altrettanto particolare, quindi direi adatto a palati un po' esigenti.

Gelato all'olio d'oliva e cioccolato bianco
Ingredienti per 6 persone 
tratto da "Cucina di Stagione"

cioccolato bianco 50 gr
latte 2 dl
pizzico di sale
tuorli d'uovo 2
zucchero 40 gr
olio extra vergine d'oliva 0,5 dl
succo di limone 1 cucchiaio

Per la composta di frutta:
fragole 500 gr
zucchero 2 cucchiai
amido di mais 1 cucchiaino
succo d'arancia 1 dl

In un pentolino spezzettate il cioccolato, aggiungete il latte e un pizzico di sale e portate a ebollizione.
Lavorate brevemente i tuorli con lo zucchero in una ciotola, e aggiungete quindi, lentamente, il latte caldo. Rimettete il composto sul fuoco, e a fiamma media, mescolando continuamente, portate nuovamente a ebollizione. Filtrate il composto e fate raffreddare il tegame in una ciotola piena di acqua ghiacciata.
Incorporate lentamente l'olio d'oliva e il succo di limone, e riponete nel congelatore per alcune ore, avendo cura di mescolare ogni mezz'ora circa, per evitare che si formino dei cristalli.
In alternativa, potete utlizzare la gelatiera e procedere come per un "normale" gelato.

Mondate le fragole, affettatele e cuocetele, per 5 minuti circa, con lo zucchero, l'amido e il succo d'arancia.
Lasciate raffreddare e servite con il gelato all'olio.

NOTE: Otterrete da questa dose, circa una pallina a persona, ma essendo un gelato piuttosto ricco, direi che si tratta di una quantità adeguata.

Cucina leggera

Padellata di verdure primaverili con formaggio di capra

mercoledì, giugno 06, 2012


Eccomi qua, scusate, manco da un po', ma come sempre giugno è arrivato con il suo delirio di impegni. Se sopravvivo alla prima metà del mese, anche quest'anno sarà fatta :-)
Questa ricetta dovevo proprio pubblicarla, da un lato perché in famiglia è stato molto apprezzata, e dall'altro perché ancora un po' che aspetto e la primavera se ne sarà ben che passata.
Si tratta dell'elaborazione di un piatto assaggiato quest' inverno in montagna, a Sesto. Potremmo quasi definirla una versione "green" della loro "rosticciata", nella quale pezzetti di carne di manzo e patate saltate vengono servite in coreografiche padelle.
Per quanto riguarda i germogli io ho scelto dell'alfa-alfa, semplicemente perché avevo a casa ancora una bustina da utilizzare, ma voi potete benissimo scegliere quello che riuscite a trovare al super.

Padellata di verdure primaverili con formaggio di capra
Ingredienti per 2 persone
piselli 200 gr (da sgranare)
fave 200 gr (da sgranare)
asparagi 100 gr
marconi 100 gr
patate novelle 2 medie
zucchina 1 media
cipollotto 1
formaggio di capra fresco 100 gr
germogli (io ho scelto quelli di alfa-alfa) 20 gr
prezzemolo tritato qualche cucchiaiata
sale
olio extravergine d'oliva

Sgranate i piselli e le fave. Lessate le fave e togliete la pellicina. Lessate i piselli, gli asparagi e i marconi, tenendo le verdure al dente.
Lessate, a parte, le patate tenendo anche queste piuttosto ferme.
Una volta che le patate saranno cotte, pelatele, affettatele a rondelle e fatele saltare in un tegame, in cui avrete fatto scaldare un po' d'olio . Fatele rosolare per bene da un lato e poi dall'altro.Mettetele da parte.
Tagliate gli asparagi a pezzetti, tenendo intere le punte, la zucchina a rondelle, i marconi e il cipollotto con un taglio diagonale.
 In un'altro tegame scaldate nuovamente dell'olio e fate saltare tutte le verdure per 5 minuti circa. Salate, pepate, e alla fine, aggiungete le patate scaldando tutto in maniera uniforme.
Preparate l'emulsione sbattendo brevemente l'olio con un po' di sale e il prezzemolo, aiutandovi con una forchetta o una frustina.
Disponete le verdure in un piatto con garbo, distribuite il formaggio tagliato a fettine, e infornate al microonde per 1 minuto, coperto, a massima potenza, o comunque fino a che il formaggio si sarà fuso. Completate con i germogli e l'emulsione al prezzemolo.
In alternativa, per fondere il formaggio potete sfruttare il calore delle verdure, coprendo la pentola con un coperchio, o ancora infornare sotto il grill del forno per qualche minuto.

Nota: volete coltivare i germogli in casa? A questo link delle informazioni utili per ottenere in pochi giorni delle erbette fresche, fresche.

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram