"Galette bretonne" con prosciutto di Praga, Castelmagno D.O.P. Occelli®, cipolle caramellate e miele

martedì, aprile 30, 2013


La crêpe bretonne, chiamata anche gallette, è una sorta di crêpe fatta con la farina di grano saraceno ed è una specialità regionale della Bretagna.
L'ho assaggiata l'ultima volta lo scorso anno, in una piccola crêperie a Parigi, e ammetto che il suo sapore un po' rustico ben si lega ad alcuni tipi di ripieno un po' più corposi.
La versione originale non prevede l'utilizzo di uova nell'impasto, che ho invece inserito nella ricetta che vi propongo oggi.

Per questa variante ho scelto una farcitura con il prosciutto di Praga, leggermente affumicato, che ho pensato di abbinare al Castelmagno D.O.P. Occelli®, cipolle caramellate, miele e qualche nocciola croccante a completamento del piatto. Devo ammettere che l'abbinamento mi ha dato parecchia soddisfazione :-)


"Galette bretonne" con Praga, Castelmagno, cipolle caramellate e miele
Ingredienti per 6 gallette di 22cm di diametro 

Per le crêpes
farina di grano saraceno 130 gr
acqua fredda 250-300 ml
burro fuso Occelli 30 gr
uova 2
un pizzico di sale
burro per cuocere le crêpes


Per il ripieno
cipolla dorata 1
burro Occelli 30 gr
pizzico di zucchero
Castelmagno D.O.P. Occelli® 150 gr
prosciutto cotto di Praga 1 etto e 1/2
miele fluido qualche cucchiaio (io millefiori)
nocciole tostate e tritate grossolanamente qualche cucchiaio
erba cipollina per decorare (facoltativo)

In una ciotola setacciate la farina con un pizzico di sale. A parte mescolate 250 ml d'acqua, con il burro fuso freddo e l'uovo leggermente sbattuto. Incorporate i liquidi alla farina lentamente, fino a quando otterrete una pastella di media densità. Se il composto dovesse risultare troppo denso aggiungete, gradatamente, ulteriore acqua fredda. 
Lasciate riposare la pastella, coperta, almeno per 30 minuti in frigorifero. 
Preparate le cipolle caramellate: affettatele finemente, fate fondere il burro in un tegame antiaderente e cuocetele a fiamma bassa, fino a quando saranno diventate morbide, a questo punto salate, aggiungete un cucchiaio di zucchero e proseguite la cottura, per qualche ulteriore minuto.
Cuocete quindi le galette versando dei mestolini di composto in una padella antiaderente imburrata, dorandone entrambi i lati.
Evitate di cuocerele eccessivamente, poichè andranno successivamente farcite e ripassate in padella e rischiereste di seccarle troppo. Su ciascuna galette disponete una fetta di prosciutto di Praga, il Castelmagno grattugiato con una grattugia a fori larghi e la cipolla caramellata. Ripiegate i bordi all'interno, lasciando la parte centrale scoperta e riscaldate in un tegame antiaderente, coperto, per alcuni minuti, fino a quando il formaggio non si sarà fuso. 
Servite con una spolverata di nocciole tritate e un filo di miele.

You Might Also Like

14 colazioni a letto

  1. Non avevo idea che esistesse anche questo tipo di crépe, è da assaggiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gusto molto deciso, ma secondo me interessante :-)

      Elimina
  2. profumi decisi e che mi piacciono molto per le tue galette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille la cucina della Pallina !

      Elimina
  3. Ultimamente Sabri ci proponi delle ricette una piu' intrigante e gustosa dell'altra. Mi piace il gusto del grano saraceno e mi piacciono i formaggi belli saporiti quindi adoro il Castelmagno. Questa galette deve essere divina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei gentile Elenuccia! Ricordo che anche tu sei una estimatrice del Castelmagno :-)

      Elimina
  4. Buoni! io ho assaggiato le gallettes per prima volta questa estate e da allora é amore!! mi piace la tua idea per il ripieno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno un sapore molto particolare, ma anch'io le trovo decisamente buone !

      Elimina
  5. Io le gallettes le adoro semplicemente... in Francia ne faccio certe scorpacciate e a casa le ripropondo. Questa versione deve essere de-li-zio-sa!
    bacioni cara
    ficoeuva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, come state? Anch'io le adoro, certo mangiate là è tutta un'altra poesia, ma anche a casa, basta chiudere gli occhi, fare un boccone e sognare un po':-)!

      Elimina
  6. Ciao hai proprio un blog carinissimo complimenti!

    Bellissime foto e bellissimi piatti!
    mi sono unito subito ai tuoi followers ;)

    Un caro saluto
    Alessandro
    fancyfactorylab.blogspot.it

    p.s. passa da me e fammi sapere cosa ne pensi del mio blog ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto e grazie per esserti unito ai miei followers. Passo tra un po' per una visita :-)

      Elimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram