Ciambelle di Natale con la semola rimacinata Senatore Cappelli

martedì, novembre 19, 2013

 

Qualche settimana fa ho accettato con piacere di partecipare al concorso organizzato da Mangiare Matera, di cui avevo letto sul blog di Teresa "Scatti golosi" .
Per il concorso veniva richiesto di realizzare una ricetta con una serie di prodotti lucani a base di grano duro, così mi sono subito messa in moto per far uscire qualche idea. 
Trovo molto stimolante partire da un prodotto per creare un piatto,e poiché già orientata verso le feste, in maniera molto naturale ho pensato a delle ciambelle natalizie.
Questi dolci confezionati con la semola rimacinata Senatore Cappelli, si profumano con l'arancia e arrichiscono con canditi e uvette: ho voluto racchiudere il gusto del panettone in una ciambella. 
Per quanto riguarda la cottura, ho scelto di friggerli, come nella tradizione, ma se preferite un prodotto più leggero potrete ovviamente optare per una cottura al forno.

Ciambelle di Natale
Ingredienti per 15 ciambelle
farina di semola rimacinata Senatore Cappelli 500 gr
lievito di birra   12 gr
latte tiepido 250 ml
burro 60 gr
tuorli d’uovo grandi 3
zucchero semolato 4 cucchiai + quello necessario per cospargere le frittelle
sale ½ cucchiaino
estratto di vaniglia 1 cucchiaino
buccia di 1 arancia
uvetta sultanina 60 gr
cedro candito 40 gr
arancia candita 40 gr
olio di arachide per friggere

In una ciotola media, sciogliete il lievito con 60 gr di latte tiepido, 1 cucchiaio di zucchero e aggiungendo 40 gr di farina create un composto morbido, coprite e fate lievitare per una mezz’ora o comunque fino a quando sarà raddoppiato in volume.
In una ciotola più grande versate 460 gr di farina a fontana, ponete al centro il resto del latte tiepido, l'estratto di vaniglia, il burro fuso tiepido, lo zucchero, il sale, la buccia dell’arancia e i tuorli e mescolate brevemente.
Unite quindi l’impasto lievitato e lavorate a lungo fino a quando il composto risulterà morbido e liscio, unite a questo punto l’uvetta, i cedrini e l’arancia candita distribuendoli quanto più uniformemente possibile.
Coprite con della pellicola trasparente e fate lievitare per tutta la notte nella parte bassa del frigorifero.
L’indomani mattina, date delle pieghe alla pasta (schiacciatela brevemente e portate i lembi esterni verso l'interno, donandole poi nuovamente una forma rotonda), fate lievitare per un’ulteriore oretta-oretta e mezza, coperto e  in luogo riparato.
Stendete l’impasto su una superficie infarinata in un rettangolo alto di circa 1 cm, ricavate dei cerchi aiutandovi con un grosso bicchiere o una ciotola, se non avete uno stampo circolare, e create poi un foro al centro, potete utilizzare uno stampino più piccolo o in alternativa creare un foro con il retro di un mestolo e far poi roteare sull’indice la ciambella, in modo tale da allargare il buco per bene. In questo modo eviterete che in cottura il foro si richiuda.
Disponete le ciambelle su una teglia ricoperta da carta forno e fate lievitare nuovamente, a riparo da correnti d’aria, per una mezz’ora circa.
Friggete le ciambelle in olio caldo, girandole dopo un paio di minuti e facendo attenzione alla temperatura dell’olio, in modo che cuociano uniformante anche all’interno. Sgocciolatele con cura e passatele poi nello zucchero semolato prima di servire.

NOTE: potete congelare le ciambelle prima dell'ultima lievitazione per utilizzarle in un'altra occasione; sarà sufficiente toglierle dal freezer la sera prima e farle scongelare per tutta la notte, al riparo da correnti d'aria fredda, su una teglia ricoperta di carta forno e friggerle poi la mattina successiva.

Con questa ricetta partecipo al contest " Mangiare Matera
nella categoria "Lievitati"
http://mangiarematera.wordpress.com/

You Might Also Like

7 colazioni a letto

  1. già mi piacciono le ciambelline normali, queste poi al grano senatore cappelli! ne rubo una:)

    RispondiElimina
  2. Mi piace questa ciambella fritta natalizia! Da rifare sotto le feste, assolutamente!

    RispondiElimina
  3. Non avrei mai pensato ad usare la semola per le ciambelline fritte. Meglio che non me le trovi davanti perchè non riuscirei mai a resistere alla tentazione

    RispondiElimina
  4. ho un debole per le ciambelle, se sono ciambelline le adoro sinceramente!

    RispondiElimina
  5. buonissime queste ciambelle!! e che bello il tuo blog! ti seguo con piacere
    Valentina

    RispondiElimina
  6. GRAZIE a tutte ragazze, vedo che anche voi non sapete resistere alle ciambelline ;-) e poi con questo freschino, non c'è niente di meglio che una ciambellina e una tazza di tè fumante.
    Un caloroso benvenuto a Valentina !!

    RispondiElimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram