Linguine di semola di grano duro lucano con pesto invernale

lunedì, novembre 25, 2013

Dopo la ricetta delle ciambelle, realizzate con la semola Senatore Cappelli, ho voluto provare la pasta arrivata nel pacco, che mi è stato recapitato per il concorso Mangiare Matera.
Ho scelto di utilizzare le linguine di semola di grano duro lucano, per le quali ho immaginato un pesto invernale, arricchito con patate e fagiolini come spesso viene proposto il piatto nella più classica versione al basilico.
Si ottiene una preparazione gustosa e semplice da realizzare, l'unica attenzione va riposta nell'assicurarci che gli spinaci siano completamente freddi prima di essere aggiunti alla rucola: il rischio e che quest'ultima, a contatto con il calore, diventi amara.


Linguine con pesto invernale 
Ingredienti per 4 persone
spinaci 150 gr
valeriana 25 gr
rucola 25 gr
mandorle 15 gr
scalogno 1
fagiolini 60 gr
patate 200 gr
linguine di semola di grano duro lucano 320 gr
olio extravergine d'oliva
sale
pepe
parmigiano reggiano


In un tegame scaldate un po' d'olio e fate stufare dolcemente lo scalogno tritato, aggiungete gli spinaci e fateli appassire e asciugare, salate, pepate e fate raffreddare le verdure.
Nel frattempo pulite la rucola e la valeriana e quando il composto di spinaci sarà completamente freddo, tritate tutte le verdure assieme alle mandorle unendo a filo l'olio extravergine d'oliva necessario a ottenere una salsa cremosa. Aggiustate di sale e pepe, unite alcuni cucchiai di parmigiano grattugiato e conservate coperto al fresco.
In una pentola capiente portate a ebollizione dell'acqua salata e buttate la pasta assieme ai fagiolini tagliati a piccoli pezzi; dopo circa 5-6 minuti unite anche le patate tagliate a dadini e cuocete per ulteriori 10 minuti, fino al raggiungimento del 16 minuti necessari alla cottura delle linguine di Matera.
Scolate le linguine, conditele con il pesto invernale, se necessario stemperate con alcuni cucchiai di acqua di cottura della pasta, e servite con un'ulteriore spolverata di parmigiano,


Con questa ricetta partecipo al contest " Mangiare Matera
nella categoria "Primi piatti"
 
La pasta di semola di grano duro "VERO LUCANO" è ottenuta da semola di grano duro esclusivamente lucano, per la sua realizzazione vengono selezionati i migliori grani lucani, fra cui primeggia il grano duro “Senatore Cappelli”.L’essiccazione è lenta, a bassa temperatura e dura quarantotto ore.

You Might Also Like

8 colazioni a letto

  1. ma che piattino! prima facevo il pesto solo classico poi con i bimbi tutto ciò che è verde si "trasforma" in pesto e gustano anche cose diverse:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero, con i bimbi è tutto un frullare, e cambiare i nomi ai piatti. I miei sformatini di polenta sono la Torre di Rapunzel, la pasta con pomodoro e mozzarella diventa la pasta-pizza ... :-)

      Elimina
  2. Mmm... che belle linguine, sono da provare ^^

    RispondiElimina
  3. Quella pasta deve essere proprio buona. Mi piace anche l'idea degli spinaci nel pesto, non ho mai provato ad usare gli spinaci per il pesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buoni Elena, anche perchè mitigano un po' il piccantino della rucola. Un abbraccio

      Elimina
  4. Le linguine sono il mio formato di pasta preferito e il pesto lo amo. Hai fatto breccia nel mio cuore <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io trovo che sia un formato di pasta splendido: buono sempre con qualsiasi condimento!

      Elimina

Blog Widget by LinkWithin

Copyright Tutti i Diritti Riservati

Tutti i diritti relativi a Testi, Fotografie, compreso il Codice Sorgente, presenti su questo sito, ove non diversamente indicato, sono Copyright di Sabrina Lorenzi. © 2009-2014 Tutti diritti riservati. L'utilizzo di immagini o testi qui pubblicati è consentito ESCLUSIVAMENTE a seguito di preventiva autorizzazione e SOLO a condizione che ne venga citata chiaramente la FONTE. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi e delle foto, in quegli spazi della rete, che siano forum o altro, che non consentano il link al contenuto originale, né in alcun modo per scopi commerciali. Questa opera è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001

Like on Facebook

Instagram